Elio Castellana – Songs for lovers

Roma - 02/03/2013 : 10/03/2013

La mostra personale “Songs for lovers” di Elio Castellana, allestita nell’abitazione privata di Sandro Carbone, si presenta come un’installazione composta di video e lightboxes.

Informazioni

Comunicato stampa

Visitabile dal 2 al 10 marzo 2013 (con inaugurazione il 2 marzo alle ore 18.30) la mostra personale “Songs for lovers” di Elio Castellana, allestita nell’abitazione privata di Sandro Carbone (via Riccio da Parma 16 a Roma, zona Pigneto), si presenta come un’installazione composta di video e lightboxes.
In un’inedita e studiata combinazione, classiche canzoni d’amore si sposano a video scaricati da siti porno in cui gli utenti si espongono liberamente e in solitudine di fronte alla propria webcam per condividere, attraverso le immagini, la pratica di un segreto erotico

Songs for lovers’ prende ispirazione dalle compilation musicali dedicate agli innamorati e allude a un mondo di emozioni di facile consumo, attraverso l’evocazione di un universo fatto di sentimenti stereotipati sull’amore. Questa presunta compilation di video è però un viaggio di conoscenza disincantato e disperato insieme, dove lo spettatore attraversa, accompagnato dai grandi classici d’amore della nostra epoca, tanti stati d’animo e tante visioni diverse sul bisogno d’amore, sulle diverse forme della sessualità, sulla solitudine.
Il progetto Songs for lovers si evolve poi in un ulteriore dimensione. Da ogni video, infatti, sono stati scelti dei fermo immagine, degli “still”, stampati poi con una tecnica particolare e lavorati con incisioni, interventi pittorici e manipolazioni di varia natura, come se fossero dei piccoli quadri. Gli “still” così lavorati sono stati assemblati e sovrapposti in light-box, piccole scatole-contenitore retro-illuminate. Quasi dei fantasmatici teatri dell’amore dove le immagini originali sono trasfigurate in oggetti che vivono di vita propria. Costruite come piccoli acquari, le lighbox, in virtù di una particolare sovrapposizione, danno alle immagini una dimensione quasi stereoscopica e cambiano continuamente a seconda della posizione assunta dallo spettatore.
‘Songs for lovers’ è una riflessione sull’amore nel mondo contemporaneo, sul limite del concetto di rappresentazione, sempre in bilico fra pubblico e privato; è un lavoro sulla mancanza di pornografia, senza uno sguardo definitivo sull’estetica dell’oggetto. Ma ‘Songs for lovers’ è anche un lavoro sulla proprietà economica dell’identità e sui diritti dell’immagine. Qual è il punto di vista da adottare? La stratificazione del soggetto apre un universo di visioni non più classificabili; e dove non c’è più uno sguardo ‘giusto’ e ‘definitivo’, lì c’è libertà di pensiero. È nella ricchezza della differenza e dell’incoerenza che forse si può trovare ancora la forza di dirci esseri umani.

Elio Castellana (Brindisi, 1971)
Artista visivo, indaga le ambiguità di rapporto fra realtà e finzione con opere che vanno dalla fotografia, al video, all'installazione, alla performance.
La storia dell'artista, per anni corpo e mente creativa del gruppo teatrale Accademia degli Artefatti, lo ha portato a utilizzare simulazione, rappresentazione e sostituzione come mezzi concettuali per indagare le strutture sotterranee dei rapporti sociali e i paradossi di senso che permeano la contemporaneità. Realizza installazioni, performance, opere teatrali, ospitate in sedi di rilievo come Palazzo delle Esposizioni (Roma), Teatro Franco Parenti (Milano), Istituto Svizzero di cultura (Roma), Teatro India (Roma), Accademia di Ungheria (Roma - in collaborazione con Luigi Ontani). Ha realizzato diverse opere video per Sky Cinema.