Eleonora Lo Nigro – ….tracce…

Roma - 01/02/2015 : 14/02/2015

In mostra una raccolta selezione di fotografie di Eleonora Lo Nigro, che, sotto il titolo “…tracce…”, presenta i risultati di una riflessione intorno e dentro il linguaggio fotografico che l’autrice è venuta sviluppando da qualche anno.

Informazioni

  • Luogo: STORIE CONTEMPORANEE
  • Indirizzo: Via Alessandro Poerio, 16/B 00152 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 01/02/2015 - al 14/02/2015
  • Vernissage: 01/02/2015 ore 11
  • Autori: Eleonora Lo Nigro
  • Curatori: Anna Cochetti
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: Mart. - Merc. – Giov. - Ven. : h. 16.00 / 19.00 Sab. a.m.: per appuntamento

Comunicato stampa

Domenica 1 Febbraio 2015, alle ore 11.00, il Progetto STORIECONTEMPORANEE, a cura di Anna Cochetti, nello spazio Studio Ricerca e Documentazione di Via Poerio 16/B ospita una raccolta selezione di fotografie di Eleonora Lo Nigro, che, sotto il titolo “…tracce…”, presenta i risultati di una riflessione intorno e dentro il linguaggio fotografico che l’autrice è venuta sviluppando da qualche anno


I lavori di Eleonora Lo Nigro si collocano ad apertura di un breve ciclo con cui STORIE CONTEMPORANEE dà inizio ad un percorso di indagine intorno all’ “occhio fotografico” di tre giovani fotografi, che, sotto il titolo unificante di “Nuovi Sguardi”, si snoderà nei mesi di Febbraio e Marzo 2015.

Se per Eleonora Lo Nigro fotografare significa “cogliere l’attimo e fermare l’emozione che genera”, nel testo in Catalogo “…tracce – (per) una strategia dell’assenza e dell’attesa” il curatore sottolinea come, in tutte queste foto, si rappresenti una situazione di forte tensione evocativa, in cui si capta un sentimento d’attesa, al tempo stesso che si sottolinea un’assenza. L'"attesa" è esattamente quell'attimo di "sospensione" in cui lo sguardo del riguardante incontra quello dell'oggetto riguardato allorché può darsi scatti l'emozione, così come l' "assenza" è quella di un soggetto (uomo? donna?) evocata dalle "tracce" ma la cui "presenza" non è né attuale né certa.
In queste foto, Barcellona si configura come il paesaggio primordiale dell’anima in cui tensioni ed emozioni sono evocate e sono sciolte; ed è attraverso le tracce di cose, abbandonate o restituite, che il mare, ogni mare - che ne fa risaltare paradigmaticamente l’essenza - si eleva a figura della ricerca stessa e del suo senso.

Il Catalogo/Libro d’Artista, con testi in italiano e spagnolo, è realizzato in collaborazione con “Rapsodia Edizioni”.

Nata a Roma nel 1981, Eleonora Lo Nigro dopo un decennio di attività nel settore della grafica, fonda nel 2013 una società di comunicazione e grafica editoriale. Contemporaneamente, approda, per passione, anche all’attività editoriale, con il marchio “Rapsodia Edizioni”.
Nel corso di questi anni, si è dedicata con continuità e passione allo studio professionale ed alla pratica del linguaggio fotografico, che mixa con il linguaggio grafico, tanto da far diventare la macchina fotografica una compagna di vita, di viaggi e di avventure.
Ha esposto per la prima volta le sue foto, in stampa su alluminio, nel Febbraio 2014 a Roma.