Elena Borghi – Altrove

Varese - 07/10/2017 : 15/01/2018

Foto in cover: Portrait Elena Borghi > PH Chiara Mirelli MUA Piero Marsiglio. La mostra comprende l’esposizione e la vendita per la prima volta di diverse tavole d’illustrazione in originale a tratto di china e dieci sculture paper craft che rispecchiano la ricerca espressiva più recente dell’artista veneta.

Informazioni

Comunicato stampa

Sabato 7 Ottobre 2017, dalle 11, sarà possibile assistere alla presentazione del lavoro di Elena Borghi all’interno della mostra personale ALTROVE.
La mostra comprende l’esposizione e la vendita per la prima volta di diverse tavole d’illustrazione in originale a tratto di china e dieci sculture paper craft che rispecchiano la ricerca espressiva più recente dell’artista veneta.

In apertura al vernissage di inaugurazione, che si svolgerà all’interno della sala espositiva della Libreria Ubik di Varese, il lavoro dell’artista verrà introdotto da una presentazione a cura da Monica Morotti, titolare della galleria Morotti Arte Contemporanea

Durante il dibattito si parlerà anche della monografia dedicata al lavoro di carta svolto in questi anni da Elena, “Paper Visions” edito da #logosedizioni con la presenza in sala dell’autrice che spiegherà il suo lavoro tra vetrine, fiori di carta e libri.
Al termine del dibattito, Elena Borghi sarà a disposizione per una sessione di book-signing durante la quale i lettori potranno farsi autografare le copie del suo libro “Paper Visions” (#logosedizioni).

«Paper Visions” è una prima raccolta delle opere in carta dell’artista, che, tra le tante attività, progetta e crea mondi di carta per le vetrine degli eleganti negozi di Milano. Un libro in cui Elena Borghi fa emergere lo sviluppo e la personale analisi di ciò che la circonda e che viene affrontata attraverso il lento e meticoloso lavoro del paper-cutting, che lei stessa definisce un mantra».

Sponsor tecnico del vernissage è la cantina Sentïo wines, di Conegliano, che allieterà il felice incontro con Prosecco del Valdobbiadene.

. ALTROVE .
sinossi

Elena Borghi crea ALTROVE, un luogo non luogo che parla anche del qui e dell’ora, della compenetrazione tra visibile e invisibile per molti, che l’artista riconosce come il proprio habitat creativo.
ALTROVE non è solamente entrare in questo luogo non luogo reso accessibile dalla produzione creativa. Non è solo il racconto di un’anima inquieta che scava con le mani sino al cuore della madre terra per far germogliare fiori di carta, che rovista nel nero per tessere trame d’inchiostro, che indaga il Tutto per specchiarlo sul tangibile.
ALTROVE è soprattutto una riverenza alla vita, è la volontà di entrare in comunione con se stessi dando e dandosi amore incondizionato, è guardare oltre le cose che si giudicano pecche per osservare nel cuore, nel nucleo di se stessi.
Così il Creato non è più fuori o separato dall’Io, ma è l’Io.
La Natura non è più qualcosa da guardare ma è qualcosa da essere.
ALTROVE è un percorso che porta alla scoperta d’amore che la comunione con se stessi incarna, quell’impulso alla vita che sa far germogliare in splendidi giardini anche il cemento.
ALTROVE è un viaggio avventuroso che l’artista vuole fare insieme a te, l’osservatore, prendendoti per mano, senza timore, indagando il buio del femminile più profondo e potente, indossando la luce irradiante del maschile, sperimentando l’amore a prima vista verso il proprio e l’altrui divino, comprendendo che le lacrime sono il dolce nettare di un fiore che è in bocciolo: la tua anima.
ALTROVE vuole trasformare la paura in altro, qualcosa di potente e tenace, affinché tu possa essere essenza divina in recipiente terreno.

. About Elena Borghi .
Nasce nel pieno di una tempesta estiva incutendo da subito perplessità nei genitori; il padre, sensitivo e inventore, quando la vede la prima volta esclama: “Sembra una stronza”. La madre, australiana e cresciuta correndo scalza tra i campi di tabacco, tuttora è orgogliosa che lo sia.
Sin da piccola coltiva l’uso della parola e, appollaiata sul ramo di un albero nel giardino della nonna, passa le ore inventando storie e avventure.
All’età di nove anni ritiene di avere materiale a sufficienza per una raccolta di novelle e ne comincia la stesura attraverso l’utilizzo di una vecchia macchina da scrivere. Grazie al teatro e all’opera lirica, a quindici anni comprende che da grande vuole fare la scenografa.
Da allora progetta e realizza allestimenti per vetrine, fiere, eventi, interior design, pubblicità, shooting fotografici e qualunque spazio affamato di eteriche presenze. Disegna su muri, su carta e su ogni superficie dove possa scorrere il suo tratto nero.
Da febbraio a dicembre 2012 è stata blogger presso Blogosfere approfondendo la conoscenza del web e della parola come mezzo espressivo.
Nel Maggio 2015 la casa editrice Logos pubblica una monografia dei suoi paper craft più significativi: “PAPER VISIONS” della quale Elena cura anche i testi.
Elena Borghi è la prima donna italiana ad avere una monografia dedicata a questo genere di arte.