Duetti #2 – Esteban Ayala / Francesco Cossu

Bologna - 28/05/2014 : 14/06/2014

E' questa la seconda mostra del progetto espositivo Duetti che ha come finalità quella di presentare e promuovere giovani artisti, fra i più interessanti, provenienti dall'Accademia di Belle Arti di Bologna, ancora in fase di studio o che abbiano concluso il percorso di studi negli ultimi tre anni.

Informazioni

  • Luogo: LOCALEDUE
  • Indirizzo: via Azzo Gardino 12c - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 28/05/2014 - al 14/06/2014
  • Vernissage: 28/05/2014 ore 18,30
  • Autori: Esteban Ayala, Francesco Cossu
  • Curatori: Lelio Aiello
  • Generi: arte contemporanea, doppia personale
  • Orari: da giovedì a sabato ore 15-19
  • Biglietti: ingresso libero
  • Patrocini: con il patrocinio del Comune di Bologna e dell'Accademia di Belle Arti di Bologna

Comunicato stampa

“...Tra gli aspetti che costituiscono il fulcro di questo progetto c'è l'intenzione di portare la questione sul piano della relazione a due o ancora meglio del Duetto, consuetudine nell'ambito musicale, dove cantare a due voci è storia saldamente radicata nel passato. Nelle arti visive la sua manifestazione è più recente e risale agli anni ottanta/novanta, anni in cui gli artisti iniziano a collaborare maggiormente

Diciamo subito che i nostri sei giovani artisti si presentano con una piacevole varietà di approcci linguistici e che la relazione a due è richiesta ma lasciata aperta in tutte le sue declinazioni, nel senso che il criterio che abbiamo utilizzato non è quello del brano musicale cantato a due voci, ma semmai quella della relazione tra due opere. Non abbiamo voluto neanche affrontare temi che definissero troppo i confini su cui indagare, se non quelli della propria identità di ricerca, e il bello è che la magnifica accettazione del caso e soprattutto le progressive conversazioni intraprese sul “che fare” hanno prodotto risultati di natura diversa, in cui l'opera dell'uno trova la sua dimensione e il suo significato in funzione dell'altra, la rafforza, vi si contrappone o la completa...”
Lelio Aiello