Doppio sogno nella mitologia contemporanea

Asolo - 31/05/2014 : 15/06/2014

Affrontare il tema del mito, significa compiere una rivisitazione in chiave di rinascita della tradizione classica. La terracotta diventa un ‘Luogo Emozionale’ nella quale si concentra il fascinoso patrimonio evocativo che recupera la suggestione della Storia e dei valori universali.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA BROWNING
  • Indirizzo: Via Robert Browning 167 - Asolo - Veneto
  • Quando: dal 31/05/2014 - al 15/06/2014
  • Vernissage: 31/05/2014 ore 18,30
  • Generi: arte contemporanea, doppia personale
  • Orari: sabato (dalle 15:00-19:30), domenica (dalle 10:00 - 12:30 e dalle 15:00-19:30) o su appuntamento

Comunicato stampa

La Galleria Browning è lieta di ospitare la mostra di scultura ‘Doppio sogno nella mitologia contemporanea’ di Nazzareno Manganello e Laura Pellizzari. Affrontare il tema del mito, significa compiere una rivisitazione in chiave di rinascita della tradizione classica. La terracotta diventa un ‘Luogo Emozionale’ nella quale si concentra il fascinoso patrimonio evocativo che recupera la suggestione della Storia e dei valori universali. Le figure si collegano a un patrimonio di immagini e di simboli da cui riaffiora il sapore del mito, attraverso continue allusioni a mondi metafisici

Le terrecotte ci conducono in frammenti di epoche lontane dove regnano bellezza, materia e spiritualità. Il sogno ci apre all’onirico, al subconscio e al mitologico di conseguenza. La femminilità è soggetto ricorrente nell’opera di Laura Pellizzari. Siano esse Ninfee, Veneri, Muse o Sirene, l’intento è quello di recuperare la concezione di bellezza nel sunto classico di ideale di perfezione, non solo estetico, ma interiore. ‘La forma è sostanza’. E nella forma sono insiti gli elementi che descrivono la bellezza del corpo femminile e che ne sprigionano fertilità, saggezza e bellezza. Più disincantata la visione della bellezza del maestro Manganello che nelle sue figure rotonde femminili giacenti non manca di incidere, graffiare e perfino cucire l’inesorabile azione del tempo. Le sue opere esprimono anche drammaticità e in questo lamento silenzioso giace la forza evocativa della materia. Una sintesi plastica, una ricerca di purezza e spirito accomuna le opere di Manganello e Pellizzari. In questo umore ‘primordiale’, reso anche da materiali poveri e dalle forme essenziali, ritroviamo il sapore del mito e un amore per la terra madre, fecondatrice e incorrotta.