Domenico D’Oora – Stone Painting

Milano - 28/02/2019 : 30/03/2019

Domenico D’Oora, uno dei più interessanti artisti italiani della sua generazione, la cui pittura si sviluppa in un ambito di aniconicità e monocromia, presenta in questa terza esposizione personale alla Galleria Il Milione una scelta delle sue recenti pitture realizzate su ardesia.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA IL MILIONE
  • Indirizzo: Via Pietro Maroncelli 7 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 28/02/2019 - al 30/03/2019
  • Vernissage: 28/02/2019 ore 18
  • Autori: Domenico D’Oora
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Lun - ven 10,30-13,00 / 15,30-19,00, sabato su appuntamento

Comunicato stampa

Domenico D’Oora, uno dei più interessanti artisti italiani della sua generazione, la cui pittura si sviluppa in un ambito di aniconicità e monocromia, presenta in questa terza esposizione personale alla Galleria Il Milione una scelta delle sue recenti pitture realizzate su ardesia. La mostra, a cura di Federico Sardella e realizzata in collaborazione con l’artista, successivamente sarà allestita anche a Zurigo negli spazi della Lazertis Galerie.

In questa mostra intitolata Stone Painting, D’Oora espone una serie di circa venti recentissimi lavori, rigorosamente monocromi e tutti di ridotte dimensioni, tutti realizzati su pietra

Dopo aver dipinto su tela e su mdf, l’impiego dell’ardesia come supporto segna una svolta decisiva nel suo percorso e ad eccezione di un grande dipinto bifronte che sarà installato nello spazio della Galleria per essere visibile a 360°, tutti i lavori in mostra apparterranno a questa inedita serie.
La concretezza di queste opere e la presenza sono il risultato di un perfetto equilibrio tra pittura stesa in materiche modulazioni e in armonico contrasto con la levigata consistenza dello spessore del supporto, il cui volume definisce la superficie dell’opera, spazio ove il lento mutare della luce e le vibrazioni delle scansioni lineari suggeriscono lo scorrere del tempo.
Come scrive Federico Sardella, “le superfici dipinte di D’Oora, per il quale “la pittura è conoscenza, svelamento, così come testimonianza, confessione, acclamata verità e rivelazione” , con la loro scansione materica in divenire, suggeriscono una temporalità problematica, fuori dal tempo, anacronistica.”

La mostra è accompagnata da un catalogo con testo di Federico Sardella e la riproduzione di tutte le opere esposte.