Dimora Silente

Copertino - 25/07/2014 : 25/07/2014

Dimora Silente è un progetto, una scommessa, un’avventura che nasce dalla fusione di due realtà presenti sullo stesso territorio, legate dalla stessa visione di futuro e accomunate dallo spirito di condivisione e sostenibilità.

Informazioni

Comunicato stampa

Dimora Silente è un progetto, una scommessa, un’avventura che nasce dalla fusione di due realtà presenti sullo stesso territorio, legate dalla stessa visione di futuro e accomunate dallo spirito di condivisione e sostenibilità. Il B&B DimorAntica, situato in un palazzo signorile a pochi passi dallo splendido Castello Svevo di Copertino, ospita il giovane slow brand made in Italy Silente: in una delle sue stanze, infatti, c’è la sartoria, e l’elegante sala da pranzo è anche uno showroom

Il B&B DimorAntica, pregnato e customizzato dallo stile Silente, è un luogo unico in cui soggiornare: vivere la quotidianità del lavoro sartoriale, a stretto contatto col designer, respirare la creatività, la passione e il fermento artistico è un’esperienza irripetibile.
Con Dimora Silente cambia il concetto di bed & breakfast: non più un luogo sterile di passaggi veloci e asettici, non più un luogo dalla funzione statica di ospitalità. Dimora Silente è un luogo aperto e dinamico in cui eventi, artisti e incontri si susseguono e s’intrecciano costantemente. Allo stesso tempo è una casa accogliente in cui nessun dettaglio viene tralasciato e in cui l’ospite è sempre a proprio agio. L’idea di casa, di intimità, di condivisione, appartengono al nostro vivere quotidiano e nel caso di Dimora Silente si trasformano in arte. L’arte che, partendo da ciò che indossiamo, s’irradia estendendosi all’ambiente circostante. Qui tutto è arte: indossare un abito, arredare la casa, apparecchiare la tavola per un ospite atteso.
Il B&B DimorAntica e lo slow brand Silente puntano inoltre alla diffusione di uno stile di vita sostenibile che possa valorizzare il territorio e le tradizioni: dalle ceramiche riscoperte nella dote della nonna al recupero di antiche tecniche di ricamo, dalle marmellate fatte in casa alle mascherine da notte realizzate con gli scarti di produzione, dall’utilizzo di energie alternative e prodotti eco-compatibili o locali al recupero degli scarti dell’industria tessile italiana, dal turismo sostenibile alla moda etica.