Dialogues #1 Notturno domestico – Davide Dormino / Silvia Giambrone

Roma - 16/02/2018 : 16/03/2018

Con Notturno Domestico, mostra di Davide Dormino e Silvia Giambrone, si inaugura Dialogues, nuovo ciclo espositivo di Spazio Y che, di volta in volta, vedrà dialogare due artisti nella produzione di lavori site specific pensati appositamente per lo spazio romano.

Informazioni

Comunicato stampa

Con Notturno Domestico, mostra di Davide Dormino e Silvia Giambrone, si inaugura Dialogues, nuovo ciclo espositivo di Spazio Y che, di volta in volta, vedrà dialogare due artisti nella produzione di lavori site specific pensati appositamente per lo spazio romano.

Attraverso due installazioni che si fronteggiano, gli artisti presentano modi differenti di guardare alle dinamiche relazionali, innescando una riflessione critica sui limiti, i rischi e le contraddizioni che caratterizzano i rapporti umani



L’installazione della Giambrone ricostruisce un interno domestico che, in continuità con un filone di ricerca già avviato dall’artista, diviene spunto per indagare attraverso oggetti del quotidiano la dimensione politica dell’intimità e delle forme sotterranee di assoggettamento.

Nel lavoro di Dormino, dove la fisicità esecutiva diventa centrale, un blu profondo fa da sfondo ad un telaio di piombo che, attraverso l’intervento dell’artista, diviene metafora del rapporto con l’altro da sé.

In occasione dell’inaugurazione verrà presentata un’edizione limitata di stampe serigrafiche, frutto della collaborazione dei due artisti.


Scarica il comunicato stampa
Scarica il testo critico

ENG

With Notturno Domestico, exhibition by Davide Dormino and Silvia Giambrone, Spazio Y inaugurates Dialogues, a new cycle of exhibitions which, from time to time, will promote the dialogue between two artists in the production of site-specific works specifically conceived for the roman space.

Through two installations that face each other, the artists present different ways of looking at relational dynamics, triggering a critical reflection on the limits, risks and contradictions that characterize human relationships.

The installation of Giambrone reconstructs a domestic interior that, in continuity with a line of research already started by the artist, becomes a starting point to investigate through everyday objects the political dimension of intimacy and subterranean forms of subjugation.

In the work of Dormino, where executive physicality becomes central, a deep blue is the background of a lead frame that, through the artist's intervention, becomes a metaphor of the relationship with the other than self.

On the occasion of the opening a limited edition of silk-screen prints will be presented as result of the collaboration of the two artists.