Daniela Pellegrini – Santiago on the walls

Milano - 05/03/2022 : 13/03/2022

Il Cammino di Santiago di Compostela documentato dalle fotografie di Daniela Pellegrini, e dalla sua sensibilità di artista interessata ad indagare l’universo simbolico che ruota intorno alla sua vita, mette l’accento sulla serie di messaggi, scritte ed epitaffi poetici che altri viaggiatori hanno lasciato lungo il percorso.

Informazioni

  • Luogo: CASTELLO SFORZESCO
  • Indirizzo: Piazza Castello - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 05/03/2022 - al 13/03/2022
  • Vernissage: 05/03/2022 ore 15.30
  • Autori: Daniela Pellegrini
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: sabato e domenica dalle ore 10.30 – 12-00 ; 16.00- 19.00

Comunicato stampa

Per intercessione divina lungo il cammino, sulla strada di Damasco o di Santiago, l’iniziato conseguiva quella grazia interiore necessaria a invadere con la consapevolezza dell’Illuminato i territori dell’anima, l’ispirazione luminosa avrebbe facilitato la trasmigrazione dal corpo fisico a quello dello spirito. Nei racconti della scienza antica, il viaggio è infatti l’allegoria di una trasmutazione alchemica, interiore ed esteriore

Il Cammino di Santiago di Compostela documentato dalle fotografie di Daniela Pellegrini, e dalla sua sensibilità di artista interessata ad indagare l’universo simbolico che ruota intorno alla sua vita, mette l’accento sulla serie di messaggi, scritte ed epitaffi poetici che altri viaggiatori hanno lasciato lungo il percorso. In questo senso l’esplorazione artistica non coinvolge solo l’universo dei segni rappresentati nelle immagini in mostra, ma anche le deduzioni filosofiche e narrative ispirate in parte dalla conoscenza dei simboli del Camino, ormai considerati esoterici, e dall’altra l’approfondimento di un indagine interiore. Sono quindi foto da interpretare da un lato come documenti di viaggio e dall’altro come testimonianze di una rilettura personale e artistica. Motivo questo che ha spinto Daniela Pellegrini a selezionare e riorganizzare una sequenza di una parte delle numerose immagini e costruire una narrazione che va oltre il “didackt” dell’apparenza.