Daniela Bianchi / Daniela Borla

Parma - 23/05/2014 : 14/06/2014

Il filo conduttore di questa bipersonale è il viaggio, tutto femminile, che le due artiste compiono, ognuna a suo modo, disseminando sulla tela segni e simboli dal sapore alchemico, rafforzati da silenziosi giochi di colore nell'una e da architetture decontestualizzate nell'altra.

Informazioni

  • Luogo: L'ART GALLERY LAB
  • Indirizzo: via Garibaldi 36 - Parma - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 23/05/2014 - al 14/06/2014
  • Vernissage: 23/05/2014 ore 18
  • Autori: Daniela Bianchi, Daniela Borla
  • Generi: arte contemporanea, doppia personale
  • Orari: dal Martedi al Sabato 10.30 – 13.00 e 16.30 – 19.30 (giovedi e festivi su appuntamento)

Comunicato stampa

VENERDI 23 Maggio dalle ore 18.00 presenteremo due nuovi artisti: Daniela Bianchi ed Daniela Borla.


Il filo conduttore di questa bipersonale è il viaggio, tutto femminile, che le due artiste compiono, ognuna a suo modo, disseminando sulla tela segni e simboli dal sapore alchemico, rafforzati da silenziosi giochi di colore nell'una e da architetture decontestualizzate nell'altra.

Daniela Bianchi è nata nel 1960 ad Aiseau, in Belgio, vive a Brescia dove insegna


Appassionata d'arte e attiva in ambito scolastico nel promuovere percorsi creativi, nel 2009 ha ripreso a dipingere in modo continuativo, realizzando acquerelli di impronta fiabesca rivolti all'infanzia; da lì è nata “Favolabella”, filastrocca di cui ha curato le illustrazioni ed il testo.
In seguito ha sperimentato tecniche diverse elaborando forme espressive più libere ed evolute.
Espone dal 2011.
Anno 2011 : - Brescia , Associazione Culturale “ La Parada ” , Personale
Anno 2013 : - Brescia, Palazzo la Fontana , Daniela Bianchi “Avventure d'Idee”;
Ezio Zingarelli “Brandelli d'Arte”
- Brescia, Sala Civica SS Filippo e Giacomo, Collettiva “Dieciannineosemplici”
Anno 2014 : - Brescia, Associazione Artisti Bresciani, Collettiva “Ricognizione 2013/2014”

L'opera di Daniela Bianchi è un silenzio pieno di significati.
Ogni traccia, segno, velatura è essenziale, è motivato, l'insieme di materiali diversi viene condotto con sapienza e grazia. La poesia è presente nelle opere, sia quando è scritta, ma anche quando non lo è attraverso la misura degli interventi grafici e pittorici. Nell'opera di Daniela si parla della vita, di relazione, di verità, di ciò che è l'essenza dell'essere umano, con delicata, ma incisiva attenzione. I rimandi sono all'oriente per la grande cura ed eleganza, in quel saper fermarsi, non aggiungere altro....e c'è il ricordo del grande Osvaldo Licini. Il segno mi ha colpita subito, un segno che sa di lavoro e di vita, come una voce che non si può confondere con la voce di nessun altro, come una vena che porta vita in sé, è una traccia che ci porta a seguire il percorso che crea sapendo che ci condurrà in un posto che ci appartiene. (Sara Righi)










Daniela Borla, nata a Banchette (TO) si esprime artisticamente già dall’infanzia creando nel gioco. Laureata in scienze pedagogiche, ha coltivato la sua passione per l’arte e si è impadronita delle tecniche pittoriche e scultoree attraverso la sperimentazione e la rivisitazione personale.

Mostre principali:
2014 Xv Salon de Invierno - Correr Nou de la Rambla - Barcelona
2013 Carrouselle du Louvre/ Arte Contemporanea –Nizza/ Torre Malvasina /
Mostra itinerante- Ivrea Chieri Milano.
2012 immagine Arte – Red Passion/ Premio Città di Folgizzo (conseguimento secondo premio)
Mostra “Primavera D’Arte – Artisti top Torino” - Arte Genova.
2011 Paratissima - Torino/ Action Paiting – Pittura d’azione – Spazio Aperto 104/ Angeli sul mondo – sala Santa Marta – Ivrea/ Piccolo Formato – Galleria Salotto dell’Arte – Torino.
2010 Cinque Artisti S.Savino – Spazio Aperto 107- Ivrea/
Mostra al Castello dei Conti Amico Castellalfero- -Asti.


L'artista predilige gli spazi costruiti dall'uomo, le sue opere rappresentano città , metropoli, stazioni ferroviarie, porti , cantieri dove si percepisce il lavoro, la fatica, la vita quotidiana dell'individuo del quale si " sente" la presenza anche se non compare quasi mai.
(Prof. Aldo Maria Pero)
L’artista Daniela Borla si potrebbe definire una grande esploratrice della vita, nel senso più ampio della parola. La sua curiosità la porta ad affrontare tanti temi, la vita stessa è fatta di tanti temi. (…)
La materia è vibrante, sempre in movimento, pronta a mostrarsi in nuove forme, sempre diverse,sempre mutevoli. La ricerca è una costante della sua anima, è insaziabile, avida di vita, quella vita che come bene prezioso va scandagliata in ogni suo aspetto, talvolta con crudezza e lucidità,cui non manca mai un tocco di umanità.(…) L’artista con una sferzata di energia, guarda disincantata il suo oggi, con sincerità e realismo ce lo mostra, trovando nel dinamismo una formula per tuffarsi nella realtà, come esperienza di grande valore e arricchimento. (F.L.Milardi)