Cortili Aperti e Artigiani

Roma - 24/05/2014 : 25/05/2014

Per la prima volta marmisti, restauratori, corniciai, vetrai, ceramisti, bronzisti, argentieri, orologiai, mosaicisti e pittori saranno chiamati a esporre le proprie creazioni e a dare dimostrazioni delle loro attività nei cortili di alcune delle più suggestive dimore storiche romane: i palazzi Aldobrandini, Attolico, Costaguti, Montoro, Pasolini dall’Onda, Sforza Cesarini e Taverna.

Informazioni

Comunicato stampa

’Associazione Dimore Storiche Italiane - Sezione Lazio

sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana
Giorgio Napolitano

con il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

presenta

CORTILI APERTI e ARTIGIANI

nell’ambito della quarta edizione delle “Giornate Nazionali ADSI”

sabato 24 e domenica 25 maggio 2014
Roma, sedi varie

per la prima volta le Dimore Storiche di Roma ospitano gli artigiani della capitale

dalle ore 10 alle 19
ingresso gratuito


Sabato 24 e domenica 25 maggio l’Associazione Dimore Storiche Italiane - Sezione Lazio presenta a Roma l’evento Cortili Aperti e Artigiani, nell’ambito della quarta edizione delle “Giornate Nazionali ADSI”.
Sette indirizzi, corrispondenti ai palazzi Aldobrandini, Attolico, Costaguti, Montoro, Pasolini dall’Onda, Sforza Cesarini e Taverna, per un programma ricco di appuntamenti che quest’anno vede l’artigianato protagonista assoluto. Dal 1996, Cortili Aperti offre al pubblico l’opportunità di esplorare le più significative dimore storiche romane, nonché di assistere e partecipare gratuitamente a una serie di eventi culturali come mostre e concerti.

Per la prima volta gli artigiani della capitale sono invitati a esporre le proprie creazioni e a dare delle dimostrazioni del proprio lavoro nei cortili di alcuni dei più suggestivi palazzi romani. L’intento non è quello di guardare al passato con nostalgia ma, al contrario, di valorizzare competenze e conoscenze legate alla tradizione che mai come oggi rappresentano una risorsa importante per lo sviluppo economico e sociale.
“Coniugare il saper fare acquisito con le nuove tecnologie, le nuove strategie e forme di comunicazione, è la vera sfida del futuro. – afferma Filippo Massimo Lancellotti, coordinatore Cortili Aperti – Prevediamo di coinvolgere circa ventitré artigiani tra marmisti, o ‘marmorari’, come diciamo a Roma, restauratori, doratori, stuccatori, laccatori, liutai, corniciai, vetrai, ceramisti, bronzisti, argentieri, orologiai, mosaicisti, pittori a encausto. Malgrado la crisi che ne ha decimato i ranghi, la città offre ancora un variegato panorama di professionisti capaci di reinventarsi e rinnovarsi, unendo la manualità e il rispetto delle fasi produttive tramandate, a un elevato livello tecnico. Molte di queste attività, al confine tra artigianato e arte, si trasformano in piccola imprenditoria e sempre di più richiamano l’interesse dei giovani, laureati e non, che ne intuiscono le potenzialità per l’avvenire”.

L’iniziativa vuole rendere omaggio anche al ruolo indispensabile che gli artigiani ricoprono nel campo della conservazione delle dimore storiche stesse. Il loro apporto nella manutenzione e nel restauro degli edifici è fondamentale, insieme all’impegno e all’attenzione costanti da parte dei proprietari.
Sempre incentrata sulla figura dell’artigiano è la mostra fotografica di Nicolò Massa Bernucci e Raffaella Paleari, allestita presso il Palazzo Sforza Cesarini, che attraverso gli scatti realizzati durante un viaggio da nord a sud dell’Italia, ripercorre e documenta la condizione attuale dell’artigianato nel nostro Paese.

Nella giornata di sabato sarà invece possibile visitare per la prima volta i cortili delle Ambasciate di Francia, la cui sede è a Palazzo Farnese nell’omonima piazza, e del Brasile, in piazza Navona. Quest’ultima, aperta dalle ore 11 alle 13, ospiterà il concerto di fisarmonica di Mahatma Costa (ore 11) e il concerto del sassofonista Alipio Neto (ore 12), entrambi brasiliani.

Tutti gli eventi organizzati nell’ambito di Cortili Aperti e Artigiani sono gratuiti. Il programma sarà pubblicato sul sito www.adsi.it/adsi-lazio.


Istituita nel 2011, la manifestazione delle “Giornate Nazionali ADSI” è riuscita nell’intento di creare una maggiore familiarità dei cittadini con le bellezze storico-artistiche spesso poco note del proprio territorio, offrendo, anche ai turisti provenienti da altre regioni o Paesi, l’occasione di visitare luoghi di grande interesse. Tutto ciò è possibile grazie all’impegno dei proprietari, responsabili della tutela e della gestione di beni storico-artistici la cui conservazione, a beneficio delle future generazioni, coinvolge tutta la collettività.


Associazione Nazionale Dimore Storiche
L’Associazione Dimore Storiche Italiane, Ente morale riconosciuto senza fini di lucro, riunisce i titolari di dimore storiche presenti in tutta Italia. Nata nel 1977, conta attualmente circa 5000 soci e rappresenta una componente significativa del patrimonio storico e artistico del nostro Paese. L’Associazione promuove attività di sensibilizzazione per favorire la valorizzazione e la cura delle dimore storiche, affinché tali immobili possano essere tramandati nelle migliori condizioni.


Per il 2014, l'ADSI Lazio organizza inoltre una manifestazione volta a promuovere il territorio dell’Alta Tuscia, articolata in appuntamenti di musica, alta cucina e soprattutto arte, che avrà il suo centro nella Collezione di ritratti degli Sforza di Santa Fiora, in mostra dal 3 al 18 maggio al Museo civico di Acquapendente (VT) e dal 23 maggio al I giugno a Villa Sforzesca di Castell'Azzara (GR).