Coralie Maneri – Ethiopia

Forlì - 14/06/2014 : 22/06/2014

Sono ormai più di sei anni che Coralie Maneri viaggia in Etiopia per documentare attraverso le immagini progetti di cooperazione internazionale. Il senso delle sue immagini non è esprimere un mondo diverso dal nostro né mettere in evidenza un disagio sociale, bensì testimoniare importanti momenti di condivisione vissuti durante i suoi viaggi.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO MUNICIPALE
  • Indirizzo: Piazza Saffi - Forlì - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 14/06/2014 - al 22/06/2014
  • Vernissage: 14/06/2014 ore 18
  • Autori: Coralie Maneri
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: Sabato 14: vernissage 18 00 > 20 00 Domenica 15: 17 00 > 20 00 Lunedì 16: 10 00> 12 00 / 16 00 > 19 00 Martedì 17: 16 00 >19 00 Mercoledì 18: 18 00 > 22 00 Giovedì 19: 16 00 >19 00 Venerdì 20: 10 00 > 12 00 / 16 00 >19 00 Sabato 21: 10 00 >12 00 / 17 00 > 19 00 Domenica 22: 17 00 > 20 00
  • Email: gregorio.maraschini@gmail.com

Comunicato stampa

Sabato 12 Giugno 2014 alle ore 18.00 sarà inaugurata - presso la Sala XC Pacifici nella Residenza Municipale di Forlì in Piazza Saffi a Forlì, la mostra fotografica “Ethiopia” di Coralie Maneri. L’esposizione è resa possibile grazie al patrocinio del Comune di Forlì.

“Si dice che un’immagine può aiutare una persona a viaggiare, che osservare una fotografia può condurre lontano, in un altro tempo o in un altro luogo. Appena le ho viste, le foto in bianco e nero di “Ethiopia” mi hanno fatto esattamente questo effetto. L’Africa bisogna vederla con i propri occhi, è vero

Quando non si può, foto così belle aiutano molto.”
Walter Veltroni

Sono ormai più di sei anni che Coralie Maneri viaggia in Etiopia per documentare attraverso le immagini progetti di cooperazione internazionale. Il senso delle sue immagini non è esprimere un mondo diverso dal nostro né mettere in evidenza un disagio sociale, bensì testimoniare importanti momenti di condivisione vissuti durante i suoi viaggi. L’autrice ha avuto modo di entrare in contatto con molteplici realtà trovandosi a fotografare paesaggi mozzafiato, scuole, carceri, cerimonie religiose e ospedali negli angoli più remoti di questo affascinante territorio, e ha avuto l’opportunità di scoprire un paese fragile e forte allo stesso tempo, ricco di spiritualità e di solidarietà commovente; un paese di grande accoglienza la cui gente si mostra fiera dell’antichità della propria stirpe nonostante le difficoltà legate a siccità, emergenza idrica, condizioni sanitarie inadeguate, coesistenza di diverse etnie e fedi religiose e ad uno sviluppo demografico difficilmente contenibile.

“Le immagini gentili di Coralie non ci consolano in falsi stupori, non ci inducono allo scandalo, non reclamano pietà per chi vive in condizioni diverse, neanche ci fanno indignare. Al contrario di quel che ancora si vede in molto foto-giornalismo le sue immagini non nascondono una povera e superficiale analisi della realtà dietro un’apparente vicinanza e sfruttando l’umana empatia che questa crea. L’apparente distanza che le sue immagini impongono è una distanza che non fa disperdere lo sguardo, è, anzi, una distanza che costringe a una proficua osservazione del dettaglio. Nelle sue immagini non troveremo smorfie tragiche o caricaturali su corpi scomposti, troveremo solo confronti di esseri umani di pari e indiscutibile dignità.”
Andrea Calabresi


La mostra si compone di 27 immagini in bianco e nero stampate su carta Hahnemühle FineArt Baryta 325 gsm 40x60 cm, tratte dal libro “Ethiopia” con prefazione di Walter Veltroni e introduzione di Andrea Calabresi, CartaCanta editore.



Le immagini di Coralie Maneri raccolte in questo volume, sono uno strumento di visibilità atta a raccogliere fondi tramite la Fondazione Butterfly onlus, per la realizzazione di un pozzo d'acqua potabile in un Paese del Corno d'Africa tra i più poveri del mondo, dove la siccità e le fonti di approvvigionamento idrico malsano mettono troppo spesso a rischio la sopravvivenza della popolazione.

Le fotografie contenute nel volume "Ethiopia" sono visionabili al seguente link : http://www.ilmondodicoralie.com/sito/ETHIOPIA.htm


FONDAZIONE BUTTERFLY ONLUS “écoles sans frontières”

La Fondazione Buttefly onlus opera in Etiopia da ormai più di dieci anni ed ha consolidato la propria presenza in particolar modo nella Regione del Tigray, nel nord del paese, dove ha avuto modo di realizzare in tale lasso di tempo, oltre cento pozzi di acqua e sistemi di irrigazione, ed una decina di scuole che oggi sono in grado di garantire una istruzione di base ad alcune migliaia di bambini. La fondazione è presente anche nel settore sanitario con il progetto di una clinica di riferimento per 25.000 persone a Mokonissa, circa 400 chilometri a sud di Addis Abeba, dove è in fase di ultimazione anche una struttura ricettiva per medici volontari.

In Etiopia l’accesso a fonti di acqua potabile è estremamente problematico. Si calcola che mediamente solo il 27% della popolazione abbia la possibilità di accedere ad acqua pulita, percentuale che tende ad abbassarsi drammaticamente in regioni come il Tigrai dove si arriva all’11% della popolazione in grado di bere acqua potabile. Da tutto questo derivano malattie legate ad infezioni intestinali che tendono a colpire le categorie più deboli quali bambini, vecchi e donne. Grazie alla realizzazione di un pozzo, in Tigrai si offre mediamente a 500 /700 persone la possibilità di risolvere un problema esistenziale.


Note sull'autrice:

Coralie Maneri (Varese, 1980), si laurea in Pittura all'Accademia di Belle Arti di Bologna nel 2005, dopo una permanenza di due anni presso la Univesidad Computense di Madrid, dove ha anche l'opportunità di approfondire la tecnica fotografica. Nel 2009 si specializza in Teoria e Pratica della Terapeutica Artistica presso l'Accademia di Brera a Milano. Dal 2007 opera come fotografa freelance.