Contrasto Day

Firenze - 07/03/2015 : 07/03/2015

Una giornata interamente dedicata alla fotografia. Sarà possibile partecipare gratuitamente a una serie di incontri e attività legate al mondo dell’immagine nelle sue diverse accezioni.

Informazioni

  • Luogo: MURATE ART DISTRICT
  • Indirizzo: Piazza Madonna della Neve - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 07/03/2015 - al 07/03/2015
  • Vernissage: 07/03/2015 ore 10.30-20
  • Generi: serata – evento
  • Email: deaphoto@tin.it
  • Editori: CONTRASTO

Comunicato stampa

Sabato 7 marzo 2015 dalle ore 10,30 alle ore 20 presso Le Murate PAC / Progetti arte contemporanea di Firenze si svolgerà la seconda edizione del Contrasto Day, una giornata interamente dedicata alla fotografia. Sarà possibile partecipare gratuitamente a una serie di incontri e attività legate al mondo dell’immagine nelle sue diverse accezioni. Il Contrasto Day è un evento organizzato da Michelangelo Chiaramida, Deaphoto, Contrasto e Libreria Brac in collaborazione con Le Murate PAC.

Ore 10,00. Le mostre fotografiche

una riflessione a partire dal libro Photoshow, a cura di Alessandra Mauro, in cui per la prima volta si studia la storia della fotografia attraverso le grandi mostre internazionali che hanno segnato dei momenti di svolta nella disciplina. Insieme alla curatrice intervengono Michele Smargiassi, giornalista di Repubblica, Michelangelo Chiaramida di Deaphoto, Alessia Tagliaventi e Francesco Zanot, autori di alcuni dei testi del libro.

0re 11,00-13,00
Lettura dei portfolio. A cura di Sandro Bini di Deaphoto e Tommaso Ausili, Lorenzo Cicconi Massi, Michele Palazzi e Mattia Zoppellaro, fotografi di Contrasto.
Le letture dei portfolio saranno effettuate solo su prenotazione, indicando almeno due preferenze associate ai fotografi ed inviando la richiesta via mail all’indirizzo [email protected]

Ore 12,00. Incontro con la fotografia d’autore. Cesare Colombo è fotografo per amore e per professione, ma è stato anche grafico pubblicitario, giornalista, critico e polemista. E poi curatore di mostre, docente universitario, storico: in dialogo con Michelangelo Chiaramida, seguendo il percorso del suo libro La camera del tempo, Colombo racconterà di come ha partecipato e testimoniato la storia del nostro paese proprio attraverso la fotografia, la sua pratica quotidiana, i suoi protagonisti.

Ore 13,00-15,00. Grandi autori, grandi film. Due ore consecutive di proiezione per i documentari di Lorenzo Cicconi Massi Mi ricordo Mario Giacomelli (44 min) e The Cambodian Room. Situations with Antoine D’Agata di Tommaso Lusena De Sarmiento e Giuseppe Schillaci (55 min).

Ore 15,00-17,00. Cinque fotografi, cinque storie. Alcuni tra gli interpreti più rappresentativi del linguaggio contemporaneo presentano il loro lavoro, tra fotogiornalismo, video e ricerca personale. Tommaso Ausili, Lorenzo Cicconi Massi, Francesca Leonardi, Michele Palazzi e Mattia Zoppellaro sono i fotografi di Contrasto che presenteranno i loro lavori più recenti e significativi in dialogo con Sandro Bini e Michelangelo Chiaramida di Deaphoto.

Ore 17,00-17,30. Deaphoto e la fotografia. Sandro Bini e Michelangelo Chiaramida illustreranno le attività dell’Associazione e del web magazine Clich-hè.

Ore 17,30-18,00. Pagine di fotografia: l’attività editoriale di Contrasto. Con Roberto Koch si parlerà delle ultime novità in libreria e della necessità di raccontare le storie dei grandi autori e dei nuovi interpreti in libri di carta e no.

Ore 18,00-19,00. Un libro, tante storie. Ferdinando Scianna presenta il suo libro Visti&Scritti in dialogo con Roberto Koch e Michelangelo Chiaramida: una lunga carrellata di ritratti che tessono il percorso personale e professionale dell’autore e per i quali il fotografo ha sentito il bisogno raccontare una storia.

Ore 19,30-20,00. Happy Hour e saluto finale.

La giornata. La giornata sarà una festa, un momento di incontro, un’occasione per parlare di fotografia e linguaggi classici e nuovi. Sarà aperta a tutti, fotoamatori, professionisti, curiosi e neofiti. Perché la fotografia non è solo una passione per pochi addetti ma un linguaggio con cui comunicare, una chiave interpretativa. Una lente attraverso cui guardare al mondo e nel mondo. Per questo, nel corso dei venti anni di attività editoriale, Contrasto ha sempre cercato di riempire di parole, significati, protagonisti e idee lo spazio intorno alla fotografia.