Connected

Firenze - 18/05/2013 : 30/06/2013

La mostra, curata da Silvia Petronici, metterà a confronto le opere delle due artiste, I. Cornière e M. Iacch¬¬i, artiste che creeranno all’interno delle serre e nello spazio aperto del giardino delle opere pensate appositamente per quegli spazi con l'intenzione di coinvolgere il pubblico dei visitatori del giardino.

Informazioni

  • Luogo: ORTO BOTANICO - GIARDINO DEI SEMPLICI
  • Indirizzo: Via Pier Antonio Micheli 3 - Firenze - Toscana
  • Quando: dal 18/05/2013 - al 30/06/2013
  • Vernissage: 18/05/2013 ore 18
  • Autori: J.Isabelle Cornière, Meri Iacchi
  • Curatori: Silvia Petronici
  • Generi: arte contemporanea, doppia personale
  • Orari: 10,00 alle ore 19,00 chiuso il mercoledì
  • Biglietti: Intero: € 6,00 ridotto: € 3,00 (tra 6 e 14 anni e scuole, sopra i 65 anni) ; gratuito (fino a 6 anni, studenti, dipendenti dell'Università di Firenze).
  • Email: ortbot@unifi.it

Comunicato stampa

IIl tema di tutta la mostra sarà il concetto di CONNESSIONE. Connessione dell’uomo con la natura ma anche degli uomini tra loro. La natura è una rete di connessioni ininterrotte, lo scambio costante fra gli organismi implica un passaggio di informazioni, è comunicazione ed ha una funzione vitale. La coesione e la solidarietà, il contatto e lo scambio, sono forze attive fra gli elementi naturali. Le connessioni sono all’origine di cambiamenti e questi, a loro volta, garantiscono l’evoluzione e quindi la vita.
La mostra, curata da Silvia Petronici, metterà a confronto le opere delle due artiste, I

Cornière e M. Iacchi, che creeranno all’interno delle serre e nello spazio aperto del giardino delle opere pensate appositamente per quegli spazi con l’intenzione di coinvolgere il pubblico dei visitatori del giardino.

Le artiste lavorano sui due livelli sensoriale e linguistico attivando, con strategie differenti, dinamiche di interazione e partecipazione. I lavori di Isabelle Cornière, muovendosi sul piano del coinvolgimento sensoriale, si adatteranno agli spazi fisici delle serre come a luoghi in cui la natura conservata e protetta dall’uomo lo ricompensa fornendo esperienze piacevoli e intime. Il lavoro di Meri Iacchi svolgerà, invece, il compito dell’attivazione concreta di legami disponendo strategie partecipative rivolte alla comunità locale e agli ospiti del giardino.

La mostra verrà inaugurata il 18 Maggio con un'azione performativa di M.Iacchi e sono priviste visite interattive su prenotazione, a cura di Francesca Campigli, laboratori di Pittura giapponese e Fotomontaggio effuati dalle due artiste.