Comunicare con la cultura in Lombardia

Milano - 06/10/2011 : 06/10/2011

Operatori culturali e Comunicatori d’impresa si confrontano sui percorsi obbligati per favorire la partecipazione di Partner e Sponsor ai progetti culturali in Lombardia.

Informazioni

Comunicato stampa

LA CULTURA CHIAMA, L’IMPRESA RISPONDERA’? A QUALI CONDIZIONI?
Operatori culturali e Comunicatori d’impresa si confrontano sui percorsi obbligati
per favorire la partecipazione di Partner e Sponsor ai progetti culturali in Lombardia


In occasione della Settimana della Comunicazione (3 -9 ottobre 2011, Milano) The Round Table, in collaborazione con la Direzione Generale Cultura di Regione Lombardia, 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE - e TVN Media Group, organizza giovedì 6 ottobre presso la Sala Pirelli di Regione Lombardia il workshop “Comunicare con la cultura, in Lombardia: quali opportunità per il “sistema impresa?”
Una occasione unica di dialogo e incontro tra Operatori Culturali, Istituzioni e Comunicatori d’Impresa, che si confronteranno sui metodi, le regole e gli strumenti necessari a rendere più efficace e strutturata la relazione tra Sistema Cultura e Sistema Impresa.
Il dibattito si focalizzerà sulle esperienze e aspettative di alcune delle più importanti realtà aziendali e culturali attive sul territorio lombardo, dove si trova la più alta ubicazione di imprese che investono in cultura, nonché del confronto diretto con Rappresentanti istituzionali della Regione Lombardia.
Una tavola rotonda che, attraverso la condivisione delle rispettive competenze, ed esperienze, permetta un confronto attivo, concreto e dialettico tra i soggetti coinvolti.
Investire in Cultura. Perché.
La ricerca ‘Il Valore della Cultura’, promossa da Civita, The Round Table e Astarea nel corso del 2010, ha evidenziato una crescita del 24,3% della domanda di cultura da parte dei cittadini italiani.
Una domanda che non sembra ricevere uguale risposta dalle Istituzioni: i tagli della finanziaria e le precarie condizioni economiche delle Istituzioni pubbliche nazionale e locali mettono a rischio lo sviluppo se non la sopravvivenza di Operatori culturali pubblici e privati.
Ed è qui che le aziende sono chiamate a intervenire, divenendo sostenitori attivi dell’Economia della Cultura (“Il 48% delle imprese italiane ha investito in cultura negli ultimi 3 anni”, da “Il Valore della Cultura”).
Investire in Cultura significa per l’azienda non solo un ritorno economico, ma una precisa strategia di comunicazione e posizionamento.
Per il 77% delle Aziende che investono in comunicazione culturale, il risultato è considerato ‘efficace’, ed è ‘molto efficace’ nell’11% dei casi.
La Cultura è oggi una scelta efficace per la Comunicazione Corporate e Marketing delle Imprese: rafforza la Reputazione, supporta il Marketing Relazionale, crea Opportunità mediatiche qualificate.
L’ apporto delle imprese ai progetti culturali non si esaurisce inoltre nel solo contributo economico, ma nella condivisione di competenze altamente qualificate in grado di valorizzare e promuovere il bene culturale.
Spesso infatti le aziende riscontrano una inadeguatezza dei partner culturali a allinearsi e confrontarsi con le professionalità e le pratiche imprenditoriali: “Le aziende richiedono agli operatori culturali partnership continuative, misurazione dei risultati, ritorni mediatici e valoriali, proposte personalizzate presentate in tempi e modi adeguati: insomma, l’Offerta deve sintonizzarsi con la Domanda” (cit. Rapporto “Il Valore della Cultura”).
Come fare quindi a rendere imprenditivi i progetti culturali ? Quali le competenze e gli strumenti necessari per uno sviluppo qualificato e competitivo della relazione Impresa-Cultura?
Queste alcune delle domande a cui il workshop, attraverso il confronto diretto dei soggetti coinvolti, cercherà di fornire risposte pratiche e funzionali.