Codice Art

Bagnacavallo - 21/11/2015 : 29/11/2015

La mostra itinerante “Codice Art” presentata per la prima volta a Palazzo Rasponi di Ravenna, viene esposta anche a Palazzo Vecchio (costruito nella metà del XIII secolo) a Bagnacavallo nella provincia di Ravenna.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO VECCHIO
  • Indirizzo: Piazza della Libertà - Bagnacavallo - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 21/11/2015 - al 29/11/2015
  • Vernissage: 21/11/2015 ore 16
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: pomeriggio dalle 15,30 alle 18,00 compreso Sabato e Domenica Chiuso il Lunedì
  • Sito web: http://www.sognoelektra.com
  • Email: sognoelektra@yahoo.it

Comunicato stampa

CODICE ART
La mostra itinerante “Codice Art” presentata per la prima volta a Palazzo Rasponi
di Ravenna, viene esposta anche a Palazzo Vecchio (costruito nella metà del XIII secolo)
a Bagnacavallo nella provincia di Ravenna. Lo spazio espositivo si trova nella Piazza centrale nel centro storico della cittadina medioevale, ricca di eventi culturali da sempre attenta alla cultura.
Il progetto “Codice Art” in realtà nasce nel 2005 e prosegue fino al 2008 con sei mostre personali di artisti, in un locale di tendenza di Ravenna il “MamaMia”.
Per informazioni delle mostre realizzate visitare
il Link http://www.sognoelektra.com/codiceart.html



La mostra, promossa dall’Associazione Culturale Sognoelektra Project Art, dal titolo “CODICE ART” è curata da Cinzia Fontanelli e presenta artisti dell’Emilia Romagna attraverso la Pittura, la Scultura e la Fotografia.

Bruno Daniele espone una pittura informale, gestuale e graffiante con colori spesso primari in contrasto con il nero, ha esposto a Milano ad Expo 2015.
Alessandro Grassi, presenta quadri ad olio dai colori accesi sul tema della quotidianità
in chiave simbolica.
Carlo Zoli ceramista e scultore di Faenza è presente con le sculture dai riferimenti mitologici, dai colori decisi e con l’inserimento dell’oro zecchino,
Jacopo Dalmastri Giugni pittore raffinato monocromatico guarda alla natura con paesaggi essenziali, Cinzia Fontanelli attraverso la fotografia e la post-produzione
in digitale, trasforma l’autoritratto utilizzando il linguaggio pittorico.

La mostra accompagna i visitatori in un viaggio artistico eclettico, attraverso le opere degli artisti, le diverse forme di espressione e delle tecniche delle arti visive creando una stimolante realtà artistica.