Codalunga Grand Opening

Vittorio Veneto - 26/11/2016 : 26/11/2016

CODALUNGA, la sezione dello studio di Nico Vascellari a Vittorio Veneto aperta al pubblico nel 2005 e e dedicata alla sperimentazione visiva e sonora, è lieta di annunciare il primo evento della nuova stagione.

Informazioni

  • Luogo: CODALUNGA
  • Indirizzo: Via Martiri della Libertà 20 - Vittorio Veneto - Veneto
  • Quando: dal 26/11/2016 - al 26/11/2016
  • Vernissage: 26/11/2016 ore 21
  • Generi: serata – evento

Comunicato stampa

CODALUNGA GRAND OPENING
Banks Violette
Low Jack
Ron Morelli
Ghedalia Tazartes/Nico Vascellari
26.11.2016 - Starting from 9 pm - Via Martiri 14/16/18/20 Vittorio Veneto

CODALUNGA, Nico Vascellari's studio in Vittorio Veneto - opened in 2005 and devoted to visual and sound experimentation - is glad to announce the first event of its new season.

BANKS VIOLETTE (New York) is the first artist of the season invited to create a specific artwork for the outer windows of Codalunga

Inside the space, a drawing of the artist is displayed along the drawings, letters and documents collection of the American rock'n'roll singer GG Allin. The exhibition is combined with a fanzine edited by Heinzfeller Nileisist, New York, which collects artworks by GG Allin, Nico Vascellari and Banks Violette and texts by Alissa Bennet and Nico Vascellari.

The evening schedule includes live concerts by RON MORELLI (New York) and LOW JACK (Paris) and a vocal collaboration between GHEDALIA TAZARTES (Paris) and NICO VASCELLARI for the performance "Bus De La Lum".

Banks Violette (b. 1973 in Ithaca, NY) lives and works in Brooklyn. Violette studied at Columbia University and the School of Visual Arts in New York, and has been well represented institutionally since the mid-2000s. The Whitney Museum of American Art in New York held a solo exhibition of his work in 2004. With his shiny black sculptures and his hyperrealist drawings – often linked to the New Gothic Art movement – he has recourse to Heavy Metal iconography on both the formal, aesthetic and content level. He exemplifies the symbolism of death and decay, fluctuating between beauty and cruelty, as in scenes used by the subcultures of black metal music. Here, the dark recesses and absurdities of American society provide the thematic basis of his work.
He participated in the “Greater New York” exhibition at PS1 Center for Contemporary Art in New York and “USA Today” at the Royal Academy in London. His work is featured in several prominent collections including the Musée d’Art Moderne et Contemporain Geneva, Museum of Contemporary Art, Los Angeles, the Saatchi Gallery in London, and MOMA and the Guggenheim Museum, both in New York.

-

CODALUNGA, la sezione dello studio di Nico Vascellari a Vittorio Veneto aperta al pubblico nel 2005 e e dedicata alla sperimentazione visiva e sonora, è lieta di annunciare il primo evento della nuova stagione.

BANKS VIOLETTE (New York) è il primo artista invitato per questa stagione a creare un artwork specifico per le vetrine esterne di Codalunga. All'interno dello spazio un disegno dell'artista è esposto insieme alla collezione di disegni, lettere e documenti del cantante rock'n'roll americano GG Allin. La mostra è accompagnata da una fanzine edita da Heinzfeller Nileisist di New York che raccoglie artwork di GG Allin, Nico Vascellari e Banks Violette e testi di Alissa Bennett e Nico Vascellari.
Nel programma della serata i live RON MORELLI (New York) e LOW JACK (Paris) e una collaborazione vocale tra GHEDALIA TAZARTES (Parigi) e NICO VASCELLARI.

Banks Violette (1973, Ithaca, NY) vive e lavora a Brooklyn. Dopo gli studi alla Columbia University e alla School of Visual Arts di New York, dalla metà degli anni 2000 inizia a ottenere riconoscimenti da importanti sedi espositive, come il Whitney Museum of American Art di New York che gli dedica una personale nel 2004. Le sue sculture e i suoi disegni iperrealisti – spesso legati al movimento della New Gothic Art – richiamano l’iconografia Heavy Metal sia dal punto di vista estetico che del contenuto. Il suo lavoro incarna un simbolismo fluttuante tra la bellezza e la crudeltà della fine e della decadenza, come quello delle subculture black metal, traendo i suoi fondamenti dai lati oscuri e dalle contraddizioni della società americana.
Tra le collettive a cui ha partecipato, la mostra “Greater New York” al PS1 Center for Contemporary Art di New York e “USA Today” presso la Royal Academy di Londra.
Il suo lavoro fa parte di importanti collezioni, come il Musée d’Art Moderne et Contemporain di Ginevra, il Museum of Contemporary Art di Los Angeles, Saatchi Gallery a Londra, MOMA e Guggenheim Museum a New York.