Clémentine Carsberg / Carmen Cardillo

Rivarolo Canavese - 05/11/2014 : 30/11/2014

L’artista Clémentine Carsberg, coinvolta nel programma “Residenze d’artista”, concluderà il suo soggiorno in Città con il vernissage della propria installazione nello spazio della limonaia; contemporaneamente si inaugurerà al primo piano la mostra della fotografa Carmen Cardillo.

Informazioni

  • Luogo: AREACREATIVA42 - CASA TOESCA
  • Indirizzo: Via Ivrea 42 - Rivarolo Canavese - Piemonte
  • Quando: dal 05/11/2014 - al 30/11/2014
  • Vernissage: 05/11/2014 ore 18
  • Autori: Clémentine Carsberg, Carmen Cardillo
  • Generi: arte contemporanea, doppia personale
  • Orari: Sabato, domenica e festivi h 10-12 e 16-19 altri giorni su appuntamento telefonico
  • Patrocini: Con il contributo del Comune di Rivarolo Canavese Con il patrocinio di Acca, Château de Servières, Accademia delle Belle Arti di Catania

Comunicato stampa

Nel periodo in cui Torino dedica massima visibilità all’arte contemporanea con Artissima (7-9 novembre 2014) anche Areacreativa42 apre le sale di Casa Toesca con un doppio appuntamento tutto al femminile. Mercoledì 5 novembre l’artista Clémentine Carsberg, coinvolta nel programma “Residenze d’artista”, concluderà il suo soggiorno in Città con il vernissage della propria installazione nello spazio della limonaia; contemporaneamente si inaugurerà al primo piano la mostra della fotografa Carmen Cardillo.

La cooperazione con Clémentine nasce dalla mediazione dello scultore torinese Cristiano Piccinelli, già ospite presso l’associazione con la mostra Teste migranti (29 maggio – 29 giugno 2014)

Il primo incontro tra i due artisti risale al 2013, in occasione della 15a edizione di “Ouverture d’Ateliers d’Artiste” organizzata dall’Association Château de Servières di Marsiglia e ha avuto seguito lo scorso giugno 2014 presso l’atelier del torinese durante “AccaAtelier”, evento annuale che apre le porte degli studi degli artisti al grande pubblico. Acuta osservatrice e grande amante di quelle che lei stessa definisce le «tracce archeologiche», Clémentine ha tratto ispirazione da una stanza del secondo piano di Casa Toesca per la realizzazione di un’installazione in papier peint (carta da parati) nello spazio della limonaia. La carta da parati, tratto distintivo della sua produzione, è il materiale che meglio si sposa con la meditazione condotta sui segni del tempo che ripercorrono la casa, operazione che si riassume nel titolo della residenza Secret de famille – Les angles morts. Tracce discrete, appena suggerite che si caricano di significati universali, senza raccontare una storia troppo precisa. Clémentine ci propone una nuova lettura dello spazio: decorativo, bidimensionale, appiattito, ma allo stesso tempo illusionistico, che nasconde in sé il détachement, l’ironia. Nella vita di tutti i giorni la tappezzeria nasconde, ostruisce la vista, copre le imperfezioni delle superfici murarie. Allo stesso modo Clémentine la usa nelle sue installazioni: come materiale umile, povero, che ha la potenzialità di nascondere il visibile, di uniformare, di confondere l’osservatore e lasciare che sia l’occhio a fare la sua riflessione.
Lo stesso giorno Casa Toesca dedica alla fotografa catanese Carmen Cardillo un’esposizione nelle sale del primo piano. Il titolo Alias / Self-portraits anticipa il tema dell’autoritratto, al quale la fotografa si è dedicata nelle sue ultime ricerche. Gli inizi della collaborazione con Carmen risalgono alla mostra del 2012 È Sicilia… Fermati! a Villa Vallero (Rivarolo C.se), in cui alcune sue opere erano esposte a fianco di quelle di Oriana Tabacco e di Carmelo Nicosia, suo maestro, che così la definisce: «Carmen Cardillo è figlia delle Avanguardie, figlia della disciplina e delle buone letture […] perennemente in bilico tra ragione e sentimenti, generosa». Le sue elaborazioni sono intime “anime fotografiche”, bozze imperfette dalla forma di cappello da muratore, case allungate, aereoplanini di carta. Altre sono frammenti: è il suo volto, la sua identità che si scompone e ricompone, che prende innumerevoli forme, esistenze. Le fotografie di Carmen vanno fuori ad incontrare, a raccontare: «selfies consapevoli, che ti restano dentro, contrapposti al chiasso» afferma Karin Reisovà.
Clémentine e Carmen, due donne piene di interrogativi: una attenta all’incontro con l’ambiente, con le tracce della storia, l’altra impegnata nella ricerca interiore di un senso compiuto.
Grazie alla preziosa collaborazione dei docenti e del giovane assessorato alla cultura della città, nella giornata di mercoledì 5 novembre Casa Toesca sarà aperta già dalla mattina per ospitare i ragazzi delle scuole del territorio coinvolgendoli in workshop di fotografia e collage insieme alle due artiste. La giornata si concluderà con il vernissage delle mostre a partire dalle ore 18.

Clémentine Carsberg, nata nel 1981, vive e lavora nel suo atelier a Marsiglia. Si diploma nel 2004 presso l’École superieure des Beaux Arts di Marsiglia e prosegue i suoi studi in “Science de l’Art” presso l’Università di Aix-en-Provence sotto la direzione di Alain Chareyre-Méjan.
Dal 2003 ottiene diverse borse e prende parte a residenze tra Francia e Italia. Partecipa ormai da alcuni anni agli eventi proposti dall’associazione Château de Servières ed espone in Francia e all’estero.
Per le sue installazioni impiega materiali poveri, come la carta da parati, capaci di restituire un ambiente all’insegna della modestia e dell’ironia.

Carmen Cardillo è nata a Catania nel 1975. Diplomata nel 1999 presso L’Accademia di Belle Arti di Catania, nel 2003 consegue il diploma di fotografo presso il Cfp Bauer di Milano e nel 2006 si specializza in Arti visive e discipline dello Spettacolo presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. Dal 2008 tiene diversi laboratori di fotografia digitale e linguaggi fotografici, tra cui il corso di “Archiviazione e conservazione della fotografia” presso l’Accademia di Belle Arti di Catania per il biennio specialistico di fotografia. I suoi interessi di ricerca vertono sullo studio dei linguaggi fotografici nelle arti visive.
Le sue opere sono all’interno di collezioni private, della collezione di fotografia europea di Reggio Emilia e Careof // Organization for Contemporary Art, video.it. Dal 1997 ha partecipato a numerose mostre collettive promosse da associazioni culturali, gallerie ed enti pubblici in Italia ed all’estero.