Chiralità

Bellinzona - 09/10/2011 : 09/10/2011

Questa enigmatica parola, “chiralità”, articolata tra le distorsioni spazio - temporali che Oppy De Bernardo ci propone nell'installazione presso i Sotterranei dell'Arte, è il punto di partenza.

Informazioni

  • Luogo: ANTICO MONASTERO DELLE AGOSTINIANE
  • Indirizzo: Monte Carasso - Bellinzona
  • Quando: dal 09/10/2011 - al 09/10/2011
  • Vernissage: 09/10/2011 ore 16
  • Generi: arte contemporanea, serata – evento

Comunicato stampa

CHIRALITA’
Alessandro Castiglioni, Ermanno Cristini, Barbara Fässler, Simone Frangi, Marzia Rossi, Lidia
Sanvito
In occasione del finissage della mostra di Oppy de Bernardo “Tu con quest’acque a rinfrescarlo
impara”,a cura di Jean Marie Reynier
DOMENICA 9 OTTOBRE 2011, ORE 16
I SOTTERRANEI DELL’ARTE, ANTICO MONASTERO DELLE AGOSTINIANE
Monte Carasso,Bellinzona (CH)
Ma in quell’istante udì mormorare accanto a sé “parola d’ordine”.
Un cavaliere nero gli si era avvicinato d’improvviso e poiché Fridolin non rispose subito ripeté ancora una volta la
domanda.
“l’ho dimenticata”rispose Fridolin con un sorriso vacuo, sentendosi assolutamente tranquillo


“Questa è una sventura” disse l’uomo in giallo, “perché qui non fa differenza se l’abbia dimenticata o non l’abbia mai
saputa.”
Arthur Schnitzler, Doppio Sogno
La chiralità è un paradosso: un'immagine speculare non sovrapponibile a se stessa. Articola e problematizza dunque
l’immagine, anzi l’archetipo dello “Specchio”, cioè del doppio, del riflesso, del guardato che guarda.
Questa enigmatica parola, “chiralità”, articolata tra le distorsioni spazio - temporali che Oppy De Bernardo ci propone
nell'installazione presso i Sotterranei dell'Arte, è il punto di partenza.
Un gruppo di lavoro, composto da Alessandro Castiglioni, Ermanno Cristini, Barbara Fässler, Simone Frangi, Marzia
Rossi e Lidia Sanvito, prenderà questa questione come nuclerare e seminale, per lo sviluppo di un processo di lavoro
autonomo e imprevisto.
Agli antipodi di una progettazione che stringe e pianifica ogni aspetto della ricerca, gli invitati, artisti e teorici dell’arte,
costruiranno infatti, all’interno dei Sotterranei dell’Arte, una piattaforma aperta dove il sapere si auto genera dalla
negoziazione dei differenti punti di vista messi in campo.
Il pubblico potrà prendere parte a questa discussione aperta, seguendo i lavori e osservandone gli sviluppi.
Il risultato di questo workshop verrà poi esposto, nel mese di novembre, presso RISS(E), il Project Space di Ermanno
Cristini che proprio a Ottobre aprirà a Varese.