Bruno Pellegrino – Sguardi

Milano - 10/03/2022 : 27/03/2022

Bruno Pellegrino in mostra ai Bagni Misteriosi.

Informazioni

  • Luogo: TEATRO FRANCO PARENTI
  • Indirizzo: Via Pier Lombardo 14 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 10/03/2022 - al 27/03/2022
  • Vernissage: 10/03/2022 ore 18
  • Autori: Bruno Pellegrino
  • Curatori: Jean Blanchaert
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal lunedì al venerdì dalle 17.30 alle 21.30 – sabato e domenica dalle 12.30 alle 21.30

Comunicato stampa

Giovedì 10 marzo dalle ore 18.00 presso i Bagni Misteriosi del Teatro Franco Parenti inaugura la mostra dell’artista Bruno Pellegrino intitolata Sguardi organizzata da Associazione Pier Lombardo con il sostegno di Intesa Sanpaolo.
La mostra resterà aperta fino al 27 marzo.
Al centro dell’opera di Bruno Pellegrino volti umani, “primi piani” che si affacciano sulla tela a evocare caratteri e modi di essere, a chiedere e spesso restituire lo sguardo

Per la sua ricerca di una quintessenza dell’umano che fa di ogni volto la sua unicità, la mostra milanese di Pellegrino, curata da Jean Blanchaert, sarà composta da un centinaio di opere e pensata come un’installazione in cui i volti appariranno come personaggi, parti di una visione immaginata e accompagnati, attraverso un lavoro di ricerca drammaturgica, da frasi, suoni e musiche. Nel 2013 il Vittoriale di Roma ha dedicato a questo artista una grande mostra, a cura di Duccio Trombadori e Paolo Portoghesi.
Fine intellettuale e artista stimato, continua a stupirmi. Quando al teatro si intreccia l’arte, il cinema, la musica e altro, si moltiplicano le possibilità comunicative, si amplificano la forza, l’energia e l’impegno delle persone coinvolte in un progetto. Con la sua pittura, espressione che meritava di essere messa in scena, Bruno Pellegrino saprà affascinare il pubblico. La sua creatività, capace di rompere le regole, darà vita ad un’esperienza che, ne sono sicura, durerà nel tempo in ognuno di noi.
Andrée Ruth Shammah

Crea figure che ci guardano con i loro occhi pieni d’acqua e di malinconia oppure asciutti e penetranti come raggi laser. I suoi personaggi sono sempre eleganti, hanno sciarpe rosa, cappelli turchesi e tuniche inventate dal pittore stesso. Gli sfondi rossi e verdi sembrano provenire dalla ritrattistica tedesca del ‘400 e alcuni di questi volti sono imparentati con l’uomo che cadde sulla terra di David Bowie. A volte, queste facce sono dipinte verticalmente come bandiere nazionali, altre volte invece, sono pettinate come l’ultimo dei mohicani. Nomenomen: ognuno ha il suo destino. Bruno Pellegrino non ha saputo, non ha potuto ma soprattutto non ha voluto staccarsi dal magnifico suono del luogo dove è nato, nel Beneventano. È venuto al mondo ad Amorosi e da quel momento i suoi gesti sono stati tutti amorosi. Bruno Pellegrino non vuole apparire sapiente eppure lo è, anche quando dipinge un’umanità viva e al tempo stesso irreale. Creature che esistono sebbene mai nate. L’immaginazione si fa materia viva. Presenze che alludono, suggeriscono, raccontano richiamando memorie. Volti, figure, occhi, sguardi, pensieri e ricordi. Segni e colori, forme su carta, tele, plastica, ferro, ottone, legno. Dove si può. È materia prima per la rappresentazione teatrale. La fantasia della pittura diventa teatro dell’anima.
Jean Blanchaert

Un artista che dalla tradizione moderna milanese (dei Testori, dei Bianciardi, e della serie dei pittori affini, a partire dai realisti esistenziali) ha ricavato una lezione narrativa e di pensosa cura psicologica.
Duccio Trombadori

L’interesse per gli altri, intesi come individui, trova espressione nella straordinaria, quasi maniacale produzione di una incredibile quantità di volti che caratterizza la pittura di Bruno Pellegrino, volti solo in piccola parte di persone conosciute e più spesso di persone semplicemente immaginate.
Paolo Portoghesi