Bruno Munari – Fare dal nulla

Castiglioncello - 12/05/2017 : 30/06/2017

Una nuova interessante esposizione di Bruno Munari , con opere uniche e multipli di Recente acquisizione.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA GRANELLI
  • Indirizzo: Via Marconi 1d 57016 - Castiglioncello - Toscana
  • Quando: dal 12/05/2017 - al 30/06/2017
  • Vernissage: 12/05/2017 ORE 18
  • Autori: Bruno Munari
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Lunedì - Venerdì 9.00 - 12.30 Sabato 9.00 - 12.30 16.00 - 20.00 oppure su appuntamento

Comunicato stampa

alleria Granelli ha il piacere di presentare nella sua sede di Castiglioncello, una nuova interessante esposizione di Bruno Munari , con opere uniche e multipli di Recente acquisizione:

Granelli Gallery, in Castiglioncello has the pleasure to introduce, a new interesting exposition dedicated to Bruno Munari with unique piece and multiple of Recent acquisitions :
Macchine Inutili | Tavole Tattili | Tensostrutture | Curva Di Peano | Negativo Positivo | Forchette Parlanti | Simultaneità degli Opposti | Ricostruzioni Teoriche | Strutture in movimento | Campioni di tessuto |

FARE DAL NULLA
In una intervista realizzata nel 1992 ed andata in onda nell’Agosto del 1993, Bruno Munari, con la sua voce gentile, spiega il significato del suo nome in giapponese, dove MU significa nulla e NARI’ fare, dunque FARE DAL NULLA.
Munari amava il Giappone, ed era, ed è ancora, molto amato dai giapponesi. E quel fare dal nulla non è soltanto un felice e meraviglioso nomen-omen, ma sembra rappresentare l’intima essenza di gran parte del lavoro dell’artista.
Che cosa è, se non un fare dal nulla, il semplice gesto di piegare un cartoncino per realizzare una scultura da viaggio? Ed ancora una volta torniamo al Giappone, con la pratica dell’origami. E non è forse un fare dal nulla il prendere una calza e trarne fuori una lampada, o aggiungere due fiocchetti ad una pennellessa per ottenere l’immagine di una graziosa fanciulla? Per non parlare delle forchette che, semplicemente piegate in alcune parti, diventano mani gesticolanti.
Nel suo " L'impero dei segni", Roland Barthes, il grande intellettuale così attratto dalla cultura e dall’estetica giapponesi, scrive: “...e può darsi che ciò che, nello zen, si chiama il satori e che gli occidentali non possono tradurre che con termini vagamente cristiani ( illuminazione, rivelazione, intuizione ) non sia altro che una sospensione panica del linguaggio, il bianco che cancella in noi il regno dei codici”.
Ebbene, è proprio Munari a spingersi fino all’azzeramento dei codici linguistici nei suoi libri illeggibili, pagine senza parole, così come senza parole sono le pagine bianche di Cappuccetto Bianco, delizioso libro che solo lui poteva pensare e realizzare.
Dunque, mai come in questo caso nomina sunt consequentia rerum, e nessuno come Munari merita FARE DAL NULLA. E l’arte, in fondo, che altro è? Sergio Vanni

MAKING FROM SCRATCH
In an interview conducted in 1992 and aired in August 1993, Bruno Munari, with his gentle voice, explains the meaning of his name in Japanese, where MU means nothing and NARI' to do, therefore, MAKING FROM SCRATCH.Munari loved Japan, and was, and still is, much loved by the Japanese. And this making from scratch is not only an happy and marvelous nomen-omen, but it seems to represent the intimate essence of much of the work of the artist. What is it, if not a making from scratch, the simple gesture of folding a cardboard to make a travel sculpture? And again, we come back to Japan, with the practice of origami. And is it not perhaps a silly thing to take a sock and get a lamp out of it, or add two bows to a brushstroke to get the picture of a pretty girl? Not to mention the forks that simply folded in some parts becomes gesticulating hands. In his “Empire of the signs”, Roland Barthes, the great intellectual so attracted by the Japanese culture and aesthetics, writes: "...and It may be that what in Zen is called Satori and that the westerners can not translate that with vaguely Christian terms (illumination, revelation, intuition) is nothing more than a panic suspension of language, white that erases in us the kingdom of codes. "Even so, Munari is pushing himself to the abolition of linguistic codes in his unreadable books, wordless pages, as well as words are the white pages of “Cappuccetto bianco”, a delightful book that only he could think and realize. Never as in this case appoints sunt consequentia rerum, and no one like Munari deserves MAKING FROM SCRATCH. And art, after all, what's more? Sergio Vanni