Brerart 2015 – One

Milano - 11/03/2015 : 28/03/2015

I protagonisti della scena artistica ipercontemporanea: Post Graffiti, Street Art, New Pop, con un’opera che ne sintetizza ed enfatizza la visione espressiva.

Informazioni

Comunicato stampa

BRERART 2015 La Settimana dell’Arte Contemporanea, anticipa l’appuntamento autunnale con la mostra ONE, un
viaggio all'interno dell'ipermodernità più attuale, compiuto attraverso l'analisi e l'evidenza del lavoro artistico di
protagonisti dell'arte contemporanea, selezionati liberamente da appassionati e curatori professionali che per
mestiere e sensibilità indagano la zona dell’arte contemporanea che emerge dall'underground metropolitano e le
tendenze artistiche e professionali che applicano le esperienze storiche visive legate ai fenomeni artistico
culturali del graffitismo, del muralismo, della street-art e della pop art, al design urbano, all’arte contemporanea
ed ai progetti socio-culturali

A oltre quattro decenni dalla sua comparsa il fenomeno della urban art ha ormai
guadagnato, tramite le sue influenze sulle arti visive, una rilevanza unica sul panorama della creatività
contemporanea, influenzando la grafica pubblicitaria, le campagne di marketing, il gusto di migliaia di
persone.Diversi degli artisti presenti alla mostra ONE: Wilfredo Arias, Art of Sool, Felipe Cardena, Chaz, Chief,
Cope2, Davmo, Eroticpink, Daniele Falanga, Flycat, Gattonero, Karin, Kayone, Paul Kostabi, Kraser, LA2 ,Led,
Mambo, Mr. Wany, Tomoko Nagao, Orticanoodles, Pao, RD357, reFRESHink, Retna, Tawa,
Tmnk, Tracy168, Willow, Zed1, hanno partecipato agli interventi legali di muralismo urbano, promossi da
BRERART 2014 e dal Comune di Milano e tesi a recuperare aree degradate di alcuni parchi pubblici del centro
cittadino, ribaltando il paradigma che tali azioni siano necessariamente relegate alle periferie più estreme e al
rinnovato utilizzo di “museo a cielo aperto”. ONE, è invece una mostra “tradizionale” in galleria, di livello
internazionale , forse “palatable” come l’avrebbe definita Dondi il purista della street, dove l’artista, il King che si
è meritato il nome d’Onoreficenza, riconosciuto all’interno e all’esterno di una stessa crew; è presente con una
sola opera altamente rappresentativa, un prezzo A-Ight; a testimonianza di una Vita dedicata a questa forma
diretta di espressione e comunicazione artistica, a volte primitiva nella sua evidenza, ancora in parte clandestina
e che non smette di regalare talenti e interessanti punti di vista proprio perché, al di là dell'affermazione estetica,
spesso è corroborata da solidi contenuti di denuncia che costringono chi guarda a riflettere su tematiche legate
alla vivibilità delle città, sulla qualità della vita ed anche su argomenti di carattere sociale più ampio, quali la
discriminazione, la violenza, l’alienazione.