Bernardino Luino – Atmosfere Fantasie

Catania - 14/03/2015 : 08/04/2015

Virtualità e rappresentazione, le due facce opposte, della stessa medaglia pittorica, sono contenute in una tecnica, ma sono sinuose filiazioni di una genealogia poetica.

Informazioni

  • Luogo: CATANIA ART GALLERY
  • Indirizzo: Via Caronda n. 48/a, 95128 - Catania - Sicilia
  • Quando: dal 14/03/2015 - al 08/04/2015
  • Vernissage: 14/03/2015 ore 18
  • Autori: Bernardino Luino
  • Curatori: Francesco Gallo Mazzeo
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal Martedì alla Domenica ore 17 / 21 la mattina su appuntamento

Comunicato stampa

Sabato 14 Marzo alle ore 18 si inaugura la personale di Bernardino Luino (Latina 1951). Curatore del progetto espositivo è Francesco Gallo Mazzeo.
In catalogo, il n. 17 della collana editoriale di galleria, il curatore scrive:"........ Una pittura culta, colta, questa di Luino, nel senso
d'avere un grande ancoraggio nella tradizione, da cui muove in
maniera decisa, senza rotture e aperta al nuovo, che non è solo
quello spettacolare che ci accompagna, anche se non vogliamo, ma
il suo, fatto di sapienti tocchi, che vanno più al pensiero e lo liberano


Virtualità e rappresentazione, le due facce opposte, della stessa
medaglia pittorica, sono contenute in una tecnica, ma sono sinuose
filiazioni di una genealogia poetica, di un modo intimo di intendere
e di volere i sintomi e i modi dell'esistente, astratto, quindi il frutto
di una visione personale, propria, emersione di una cultura dello
sguardo, del vedere che è un saper vedere pieno, rivolto tanto
all'interno del proprio immaginario, specchio, a quello palese ed
evidente, ma anche a quello onirico e rimosso, perché questa (una),
proprio queste (molte) sono le spinte che permettono all'invisibile,
di diventare visibile e al visibile, prima raggomitolato nell'enigma,
di appalesarsi e diventare frequentabile,amico, quotidiano, di quelli
che puoi incontrare, appena usciti dal tuo sogno,proprio all'angolo di
strada, con essi fare un tratto… anche nella vita… anche della pittura………”