Beclosed

Catania - 23/07/2015 : 23/07/2015

Beclosed, è il frutto del workshop in “Metodologia della curatela. Site and situation specific art” a cura di Katiuscia Pompili e dall’associazione culturale Parking095 che ha coinvolto un gruppo di studenti dell'Accademia di Belle Arti di Catania, con la partecipazione di Stefania Zocco.

Informazioni

Comunicato stampa

beclosed
Workshop Metodologia della curatela. Site and situation specific art

con la partecipazione di Stefania Zocco
a cura di Katiuscia Pompili


L’Accademia di Belle Arti di Catania presenta il workshop in “Metodologia della curatela. Site and situation specific art” a cura di Katiuscia Pompili e dall’associazione culturale Parking095.
Un progetto laboratoriale innovativo pensato per la pratica site specific, sperimentato per la prima volta in Sicilia dagli studenti del’ABA, basato sul modello didattico “learn by doing”


Il workshop ha coinvolto un gruppo di studenti dell’Accademia di Belle Arti di Catania, che hanno sostituito le singole professioni, essenziali per la realizzazione dell’esposizione: ufficio stampa e comunicazione, progettazione grafica e stampa, documentazione fotografica, allestimento, assistenza alla curatela.
Fondamentali, sono state le basi teoriche fornite sulla metodologia critico-curatoriale per la realizzazione del progetto espositivo “site and situation specific”.
Beclosed, è il frutto di questa esperienza, che verrà ospitata dallo spazio no profit BOCS (box of contemporary space) e che dialogherà con la mostra attualmente esposta in loco: GIVE WAY TO GIVE A WAY – CATANIA.
Stefania Zocco, artista siciliana multidisciplinare, che si è occupata della realizzazione di lavori di Installazione, Pittura, Fotografia, sarà invitata a seguire il progetto site specific, realizzato dagli studenti, e la fase progettuale, che si terrà nello spazio espositivo.
L’approccio scelto dalla curatrice e dall’artista pone l’accento sul processo di creazione e apprendimento, anzichè sulla realizzazione di un “oggetto” artistico (de)finito.
Del resto, B. Munari, promotore del concetto di “Arte come esperienza”, sosteneva che: “Le parole si dimenticano, l’esperienza no”.


Stefania Zocco (Ragusa, 1980) vive e lavora tra Londra e la Sicilia.
La sua 
ricerca parte dal disegno, 
come strumento primario e
tecnico di confronto con la realtà antropica e sociale.

PRINCIPALI MOSTRE: Still Painting, Temporary spaces#1 Parking095, Catania; Pianeta X, Museo Riso, Palermo; Domina 23, Palazzo Ziino; Madeinfilandia, Pieve a Presciano (Ar); Controcarrettadellasperanza, Castello di Pantelleria, Pantelleria; Tasty Modern, Schwartz Gallery, London; QSS, Vegas Gallery, London; L’ospite ostile con Annamaria Di Giacomo, Bocs, Catania; Young forever, Palazzo della Cultura, Modica.