Autoritratti I. Nuove Gen(d)erazioni

Bologna - 17/01/2013 : 02/02/2013

La mostra inaugura un percorso di approfondimento sui rapporti fra donne e arte in Italia promosso dal MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna, intitolato "Autoritratti. Iscrizioni del femminile nell'arte italiana contemporanea".

Informazioni

Comunicato stampa

La mostra inaugura un percorso di approfondimento sui rapporti fra donne e arte in Italia promosso dal MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna, intitolato "Autoritratti. Iscrizioni del femminile nell'arte italiana contemporanea". Focalizzandosi sulla fase di formazione delle artiste, questa prima mostra include opere proposte da giovani studentesse o diplomate dell'Accademia delle Belle Arti di Bologna, selezionate dalle curatrici Donatella Lombardo e Giorgia Benedetta Soncin con la collaborazione di Uliana Zanetti, ideatrice dell'intero progetto "Autoritratti I

Nuove Gen(d)erazioni" diventa così punto di congiunzione e dialogo tra l'Accademia delle Belle Arti di Bologna e la principale istituzione d'arte contemporanea della città, indicando nei due maggiori enti deputati alla formazione e alla esposizione pubblica dell'arte snodi fondamentali per l'accesso alla professione artistica e per la configurazione delle dinamiche sociali e simboliche che caratterizzano la presenza delle artiste sulla scena pubblica. Ricerca e riconoscimento diventano oggetto di una riflessione condivisa fra le artiste, invitate a collaborare coralmente alla concezione della mostra e all'allestimento, rispettando sia l'impulso all'espressione individuale sia la necessità di attivare un'attenzione reciproca per veicolare pubblicamente un interesse comune.
Protagoniste della rassegna sono Tiziana Abretti, Mariela Canchari (Maca’n), Federica de Ruvo, Laura Guerinoni, Monica Lasagni, Giulia Martini, Sara Menegatti, Chiara Pagliai, Simona Paladino, Margherita Righini e Maria Savoldi, con opere che spaziano dalla pittura all'installazione, dalla fotografia alle arti tessili. Nella varietà di poetiche, modalità espressive e tecniche che contraddistingue i loro lavori, il comune denominatore che costituisce il principale trait d'union tra le artiste e che percorre la mostra resta la ricerca di consapevolezza identitaria, non solo su un piano individuale ma come giovani donne che attraverso la loro arte si interrogano sulla propria visione di sé e del mondo.
Il progetto comprende anche le performance "Rompi il guscio" di Margherita Righini (17 gennaio h 17.00 / 26 gennaio h 20.00) e "Foresta nera" di Alessia Lusardi e Rosetta Termenini (26 gennaio h 21.30).

A cura di Donatella Lombardo e Giorgia Benedetta Soncin

promosso da MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna e Accademia delle Belle Arti di Bologna nell'ambito di un progetto ideato da Uliana Zanetti

Programma:
ART CITY Bologna 25 > 27 gennaio 2013
L'accesso è gratuito per i possessori di qualsiasi biglietto d'ingresso Arte Fiera (promozione valida solo nei giorni di svolgimento di ART CITY Bologna).
In occasione di ART CITY White Night sabato 26 gennaio apertura straordinaria fine alle ore 24.