Atelier sul mare

Tusa - 11/05/2014 : 11/05/2014

Presentazione dei risultati del workshop di dieci giovani artisti siciliani.

Informazioni

Comunicato stampa

Riso, Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia, diretto da Valeria Li Vigni, e la Fondazione Fiumara d’Arte, presieduta da Antonio Presti, organizzano per la settimana dal 4 all’11 maggio 2014 un workshop diretto dai due noti artisti italiani Gianni Caravaggio e Diego Perrone presso l’Atelier sul Mare di Castel di Tusa, l’hotel dove a partire dalla metà degli anni ottanta Antonio Presti ha invitato artisti di grande fama nazionale e internazionale a rileggere radicalmente lo spazio abitativo delle stanze fino a farne delle vere e proprie opere

Un percorso virtuoso all’insegna dell’arte che ha trasformato il borgo marino di Castel di Tusa in un luogo di incontro e di residenza per intellettuali provenienti da svariati paesi, ospiti dell’hotel per ricerche personali, o in virtù del rapporto di amicizia e di condivisione con Presti, oppure coinvolti a vario titolo nell’attività trentennale della Fondazione, a partire dalla realizzazione delle sculture monumentali nel Parco della Fiumara, passando attraverso le varie edizioni del Treno dei Poeti, le campagne creative legate alla ceramica, il museo dell’immagine Terzocchio - Meridiani di Luce rivolto al quartiere Librino di Catania, fino alla più recente manifestazione del Solstizio d’Estate, per citare solo le più impegnative e ormai storicizzate.

Il clima di ricerca che ha caratterizzato la vita dell’Atelier sul mare nel corso dei decenni torna a riproporsi con un progetto voluto da Riso, Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia e legato all’attività di S.A.C.S. (Sportello per l’Arte Contempora-



nea della Sicilia). Si tratta di un workshop rivolto ad un gruppo di giovani artisti siciliani, sette dei quali scelti all’interno dell’Archivio S.A.C.S. di Riso (campostabile, Valentina Cirami, Luca Cutrufelli, Enrica Di Gangi, Francesca Fiore, Carlo e Fabio Ingrassia, Gianfranco Maranto, Andrea Mineo, Carmelo Nicotra, Francesco Surdi, Stefania Zocco).

Curato da Daniela Bigi, il workshop avrà la durata di 8 giorni e sarà strutturato secondo un doppio livello di lavoro. Da una parte un confronto e un approfondimento di natura teorica sulle ragioni e le modalità del fare in virtù del profilarsi di una nuova generazione di artisti, con visioni e istanze del tutto nuove, da riconoscere, indagare e valorizzare. Dall’altra una dimensione laboratoriale, di effettiva operatività, con la possibilità di avviare la realizzazione delle opere che diventeranno parte integrante di una mostra che coralmente verrà progettata durante i giorni di residenza e di lavoro presso l’hotel. La mostra, curata da Diego Perrone, Gianni Caravaggio e Daniela Bigi, dovrebbe realizzarsi in autunno in una sede istituzionale siciliana.

Il titolo Atelier sul mare, nel suo rimandare al luogo fisico in cui si svolgerà il workshop, inevitabilmente gioca con l’idea, tutta da riesplorare, dello studio dell’artista, con l’inevitabile bagaglio storico e concettuale che esso implica e con la centralità tematica che sta vivendo in molte riflessioni e progetti espositivi di artisti di levatura internazionale.

Nell’ottica del coinvolgimento dei giovani che ha sempre accompagnato l’attività di Riso, Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia così come il percorso della Fondazione Fiumara d’Arte, il giorno 9 maggio il workshop aprirà le porte agli studenti delle Università e delle Accademie siciliane, mentre nella giornata conclusiva di domenica 11 maggio verranno esposti i lavori dei giovani artisti e i progetti delle opere abbozzati durante la settimana di residenza ad un pubblico di addetti ai lavori ma anche ai tanti abituali visitatori dell’Atelier sul Mare.

Si ringraziano per la preziosa collaborazione Giovanni Iovane, artistic advisor di Riso, Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia e Gianfranco Molino, Direttore della Fondazione Fiumara d’Arte.

I sette artisti dell’Archivio S.A.C.S., Valentina Cirami, Luca Cutrufelli, Carlo e Fabio Ingrassia, Gianfranco Maranto, Andrea Mineo, Carmelo Nicotra, Francesco Surdi, sono stati selezionati dal comitato curatoriale S.A.C.S. 2013, composto da Laura Barreca, Daniela Bigi – nel ruolo di coordinatore –, Lorenzo Bruni, Valentina Bruschi, Giovanni Iovane, Helga Marsala, Cristiana Perrella.


SCHEDA PROGETTO
Direzione del workshop: Gianni Caravaggio, Diego Perrone
Curatore: Daniela Bigi
Artisti partecipanti: campostabile, Valentina Cirami, Luca Cutrufelli, Enrica Di Gangi, Francesca Fiore, Carlo e Fabio Ingrassia, Gianfranco Maranto, Andrea Mineo, Carmelo Nicotra, Francesco Surdi, Stefania Zocco
Durata: 4-11 maggio 2014
Data apertura ad Università e Accademie: 9 maggio 2014
Data inaugurazione mostra giovani artisti: 11 maggio 2014 - h 11,00
Luogo: Atelier sul Mare, Via Cesare Battisti 4, Castel di Tusa (Messina)
Info: Gianfranco Molino – tel +393492231802 – mail [email protected]

Gianni Caravaggio (Rocca San Giovanni, 1968) vive e lavora a Milano e a Sindelfingen (Germania). Insegna Scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. Nel 2013 ha ricevuto il premio ACACIA; nel 2005 il premio Castello di Rivoli e il premio Allinovi e nel 2002 il premio Fondo Speciale PS1 Italian Studio Program. Le sue recenti mostre personali sono: 2013 Cinque proposte per un mondo nuovo kaufmann-repetto, Milano; 2011 L’isola del giorno dopo, Galleria Tucci Russo, Torre Pollice; 2010 Heraus aus der Dunkelheit in die Nacht hinein – Uscire dal buio ed entrare nella notte, Galerie Sies+Hoeke, Dusseldorf; 2008 Scenario, Collezione Maramotti di Reggio Emilia; 2007 Already 39 years on this planet, Gallery Paul Andriesse, Amsterdam; 2006 Premio Castello di Rivoli, Castello di Rivoli. Nel mese di ottobre 2014 terrà una mostra personale al Musée d’art Moderne di Saint-Etienne e al MAGA di Gallarate. Ha partecipato a numerose mostre collettive tra cui nel 2014 Resonance(s) alla Maison Particuliere, Bruxelles; 2010 Triennale di Izmir a cura di Necmi Soenmez; 2005 Leggerezza alla Lenbachaus di Monaco di Baviera; 2005 Biennale di Mosca. Nel 2011 è stato coideatore insieme a Federico Ferrari della mostra Arte Essenziale, Collezione Maramotti, Reggio Emilia e Kunstverein di Francoforte.

Diego Perrone (Asti, 1970) vive e lavora a Milano. Lavora utilizzando scultura, fotografia, video e installazioni. Le sue recenti mostre personali sono: 2013 Scultura che non sia conchiglia non canta, Casey Kaplan, New York; 2010 Una Mucca Senza Faccia Rotola nel Cuore, a cura di Giovanni Iovane e Helmut Friedel, Fondazione Brodbeck, Catania; 2009 Il Merda – Parte Prima (paesaggi), Massimo De Carlo, Milano; 2008 We are in the black world of Mamuttones, Galleria Giti Nourbakhsch, Berlino; La mamma di Boccioni in ambulanza e la fusione della campana, a cura di Charlotte Laubard, Musée d’Art Contemporain, Bordeaux / a cura di Andrea Viliani, MAMBO, Bologna. Ha partecipato a numerose mostre collettive, tra cui nel 2013 Il Palazzo Enciclopedico, a cura di Massimiliano Gioni, 55. Biennale di Venezia; 2010 21 x 21: 21 artists for the 21st Century, a cura di Francesco Bonami, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; 2009 Italics: Italian Art between Tradition and Revolution, 1968-2008, a cura di Francesco Bonami, Museum of Contemporary Art, Chicago / Palazzo Grassi, Venezia; 2008 After Nature, a cura di Massimiliano Gioni, New Museum, New
York; 2006 Of Mice and Man, 4° Biennale di Berlino, a cura di Maurizio Cattelan, Massimiliano Gioni e Ali Subotnick, Berlino; 2005 11th Triennale India Lalit Kala Akademy, New Delhi, Dialectics of Hope, Moscow Biennale of Contemporary Art, Moscow; 2003 The Zone, curata da Massimiliano Gioni, 50. Biennale di Venezia; 2003 Kunst Film Biennale Köln, curata da Hans-Peter Schwerfel e Detlef Langer, Cologne.

Daniela Bigi (Roma, 1967) è docente di Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo e co-direttore della rivista “Arte e Critica”. Come critico e curatore, ha seguito con particolare attenzione la scena dell’arte italiana ed europea degli ultimi vent’anni, alla quale ha dedicato mostre, saggi e una costante attività pubblicistica di settore. Ha collaborato con musei e centri per l’arte contemporanea, ha organizzato workshop e convegni, ha ricoperto ruoli istituzionali in giurie di premi e commissioni giudicatrici.
A partire dal 2004 ha dedicato parte della sua attività allo studio e alla valorizzazione della scena artistica emergente della Sicilia, con incarichi curatoriali presso le principali istituzioni ivi preposte al contemporaneo (Riso, Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia, S.A.C.S. Sportello Arte Contemporanea della Sicilia, ZAC Zisa Arte Contemporanea, Il Genio di Palermo, Fondazione Puglisi Cosentino di Catania, Osservatorio dell’Accademia BB.AA. di Palermo).