Asta 101

Roma - 08/11/2011 : 09/11/2011

Fantastico reperimento del dipartimento di Arte Moderna che propone l’opera di un artista raramente presente sul mercato italiano. Martedì 8 novembre andrà all’asta un dipinto firmato da Marc Chagall (Vitebsk 1887- Saint Paul de Vence 1985), titolato ‘Le peintre au dessus du village’ e datato 1980 (Tecnica mista a pastelli matite colorate, inchiostro di china e acquerello, cm. 50 x 40)(lotto 132, stima € 120.000-180.000).

Informazioni

  • Luogo: CASA D'ASTE - BABUINO
  • Indirizzo: Via Dei Greci 2 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 08/11/2011 - al 09/11/2011
  • Vernissage: 08/11/2011
  • Generi: asta
  • Orari: ASTE Martedì 8 novembre, ore 15.00 – Dipinti, sculture e disegni Mercoledì 9 novembre, ore 15.00 – Dipinti e Arti decorative del XX secolo

Comunicato stampa

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
ARTI DECORATIVE DEL XX SECOLO
SECONDA PARTE DELL’ARCHIVIO DEL PROF. ENRICO CRISPOLTI

ASTE
Martedì 8 novembre, ore 15.00 – Dipinti, sculture e disegni
Mercoledì 9 novembre, ore 15.00 – Dipinti e Arti decorative del XX secolo

Esposizione da venerdì 4 a lunedì 7 novembre 2011

Fantastico reperimento del dipartimento di Arte Moderna che propone l’opera di un artista raramente presente sul mercato italiano

Martedì 8 novembre andrà all’asta un dipinto proveniente dalla collezione di una illustre famiglia romana firmato da Marc Chagall (Vitebsk 1887- Saint Paul de Vence 1985), titolato ‘Le peintre au dessus du village’ del 1980. Questa opera è un classico, che presenta le caratteristiche del surrealismo e si esprime attraverso soggetti favolistici e mistici, qui il neo-primitivismo si esprime con una simbologia che trae origine dal folklore russo, che l’artista ha realizzato nello stile dell’ultimo periodo (Tecnica mista a pastelli matite colorate, inchiostro di china e acquerello, cm. 50 x 40)(lotto 132, stima € 120.000-180.000).
Di un altro grande maestro della prima metà del Novecento, proponiamo due interessanti opere di Giacomo Balla (Torino 1871 - Roma 1958) relative alla sua famiglia, uno raffigura ‘Luce la figlia del pittore’ in un interno del 1949 (Olio su tavola, cm. 70 x 55)(lotto 72, stima € 50.000-70.000) e l’altro “Elica pensierosa” sul sofà del 1947 (Tecnica mista a pastelli con base a tempera su cartoncino, cm. 62 x 42)(stima € 25.000-30.000).

Il giorno 9 novembre andrà all’incanto una cospicua raccolta di Incisioni di grandi maestri internazionali, con una forte presenza di opere di Giorgio De Chirico (Volos 1888 – Roma 1978), Mirò (Barcellona 1893 – Palma di Majorca 1983) e di Alberto Burri (Città di Castello 1915 – Nizza 1995) e una serie di serigrafie di Giacomo Balla.

Saranno immancabilmente presenti opere dei Maestri Italiani del Novecento. Del maestro Renato Guttuso (Bagheria 1912 - Roma 1987) proponiamo il “Pane e sole nascente” del 1981 (Olio su tela, cm. 58, x 75,5)(stima € 12.000-16.000). Di Antonio Bueno (Berlino 1918 - Fiesole 1985) proponiamo una onirica “La lezione” (Olio su masonite, cm. 40 x 60)(stima € 18.000-22.000). Di Emilio Scanavino (Genova 1922 – 1986) proponiamo un “Senza titolo” del 1955 (Olio materico su tela, cm. 125 x 65)(stima € 10.000-13.000).
Con numerosi dipinti è presente l’artista Franco Angeli (Roma 1935 – 1988), una piccola raccolta di opere eseguite negli anni ’60, tra le quali “Crepuscolo con aquile” del 1965 ca. (Olio e retina su tela, cm. 130 x 90)(stima € 12.000-18.000). Di Franco Sarnari (Roma 1933) proponiamo “Sull'amore” del 1968 (Olio su composizione rettangolare di 12 tele, cm. 460 x 315)(stima € 15.000-30.000) e molti altri.

La vendita di opere prosegue con la proposta di Maestri Europei del Novecento, in primis con due interessanti opere dell’armeno attivo a Parigi poi a Roma Gerard Orakian (Costantinopoli 1901 - Roma 1963) del quale presentiamo “Al mare” del 1935 (Olio su tela, cm. 115 x 145)(stima € 30.000-40.000) e una “Figura” (Olio su tela, cm. 104 x 68)(stima € 13.000-18.000).

La vendita è articolata da una ampia selezione di Opere di Arte Contemporanea. Tra i più interessanti notiamo il noto dipinto newyorkese di Piero Pizzi Cannella (Roma 1955) raffigurante un letto vuoto con l’assente “Notturno vagabongo” del 1984 (Olio materico su tela, cm. 200 x 150)(stima € 15.000-20.000). Inoltre, le preziose e dissacranti sculture dell’artista internazionale Nicola Bolla (Saluzzo 1963) che propone una “Vanitas con cilindro” (scultura in reticolo di cristalli Swarovsky, h. cm. 30)(stima € 15.000-18.000) e un “The bathroom” (scultura in reticolo di cristalli Swarovsky, h. cm. 75)(stima € 25.000-30.000).
Tra gli artisti che sperimentano le applicazioni dell’arte nell’ambito della tecnica fotografica, proponiamo un’opera di Felice Levini (Roma 1956) titolata “In cielo in terra” (Acrilico su tela con innesto di foto applicata su tavola circolare, 258 x 217)(stima € 6.000-8.000).

Una lettera scritta di pugno dal professor Crispolti introduce la vendita all’asta che comprende 50 opere di artisti italiani, artisti che hanno realizzato un’arte di nicchia tra gli anni ’60 fino ad oggi e che in molti casi hanno dedicato ad Enrico Crispolti le opere raccolte presso l’Archivio Crispolti stesso. L’Archivio comprende oltre 25.000 posizioni, in faldoni e in classificatori, relative ad artisti, critici, gruppi, movimenti, manifestazioni, esposizioni, pubblicazioni periodiche e temi relativi soprattutto all’arte del XX e XXI secolo. Inoltre, nella Biblioteca vi è una raccolta di oltre 55.000 volumi tra monografie, cataloghi generali ragionati e cataloghi di esposizioni, relativi sia a movimenti, situazioni e gruppi artistici sia a singoli artisti; è completamente inventariata e finora parzialmente inserita nel sistema SBN.
Ci piace proporre la vendita editando un commento dello stesso Crispolti:
“Il tempo, e peggio un mezzo secolo abbondante d’attività di rapporti e di ricerca, ha come conseguenza una tesaurizzazione di documenti, libri, strumenti di lavoro, più o meno indispensabili per acquisire un’autonomia di mezzi di ricerca; ma ha anche l’accumulo di tante testimonianze minori e laterali, di sodalizi e incontri. Doni e ricordi, opere che si accumulano fino al rischio di una necessità d’ampiezza di spazio che si fa di fatto impossibile, oggi come oggi, quando, più che mai, ovunque, “lo spazio è denaro”. Ecco dunque che per sopperire alle necessità di un trasloco imposto dalle spietate quanto distruttive conseguenze del consumismo incalzante, idealmente chiedo a tanti amici incontrati nel tempo di rinnovare la ragione di quel loro più o meno antico dono, riattualizzandolo ora qui funzionalmente offerto pro Archivio. Esattamente per concorrere a dare finalmente una sede definitiva e propria a un Archivio e Biblioteca da non pochi ritenuto fondamentale per documentare l’arte del nostro tempo. In assenza di un progetto pubblico-privato che consideri bene utile alla collettività una simile raccolta specialistica, possono dunque concorre in qualche misura anche gli artisti. Sono perciò loro doppiamente grato, a tanta distanza”.

Pro Archivio Crispolti, Roma
Enrico Crispolti



Per gli Arredi del Novecento vengono proposti Mobili ed oggetti di epoca Liberty e di Design rappresentativo degli anni ’40 e ‘60.