Arturo Barbante – Corpi

Scicli - 19/07/2014 : 08/08/2014

Arturo Barbante è figlio della terra dei cantasto¬rie. Attraverso la sua arte, alla maniera dei Trom¬badour e dei Jongler, ci racconta storie tratte dal quotidiano che eleva a scene espressive cariche di simbologia.

Informazioni

Comunicato stampa

Arturo Barbante è figlio della terra dei cantasto¬rie. Attraverso la sua arte, alla maniera dei Trom¬badour e dei Jongler, ci racconta storie tratte dal quotidiano che eleva a scene espressive cariche di simbologia. Nei suoi contesti c’è una punti¬gliosa drammatizzazione del reale, che appas¬siona e coinvolge completamente ogni pubbli¬co. Grande e magistrale la melodia degli arpeggi su carta, per mezzo della versatilità della sua arte; in-canta, colora versi, osserva, crea e scandaglia, poi fissa immagini, che suscitano pathos e in¬tense suggestioni

Il pittore posa sapientemente i colori attraverso pennellate nate dai tormenti dello spirito, agita e anima superfici che trasu¬dano emozioni, affiorano istanti e temi di un tempo ordinario che l’artista, prima seziona con sapienza nella propria mente, poi abbozza e ne completa il ricamo con estrema cura, annotan¬do sonorità sui pentagrammi delle sue pitture.