Arteractive

Milano - 19/09/2011 : 25/09/2011

Arte, interattivita' e reti sociali. Una mostra che intende indagare le ricerche e i potenziali sviluppi di un'arte e di un'iconografia che innesta una risposta e un'interazione diretta da parte del fruitore. Gli artisti invitati utilizzano strumenti audio e video e piattaforme digitali. Evento organizzato nell'ambito di e-festival.

Informazioni

Comunicato stampa

Inoccasione di e-festival, Festival della Rete, e Social Media Week, organizzata in Italia da Augmendy, l’Associazione Culturale Art Companypresenta il progetto ARTERACTIVE: ARTE, INTERATTIVITA’ E RETI SOCIALI che riunisce una decina artisti italiani che da anni lavorano con le nuove tecnologie digitali ed elettroniche in rapporto con la fruizione del pubblico.

Questa mostra, infatti, è stata appositamente pensata in coerenza alle linee guida dell’e-festival, per contribuire a colmare il digital divide del nostro paese divulgando una cultura digitale costruttiva e positiva



Secondo il pensiero di Marshall McLuhan e del suo allievo Derrick de Kerckhove, interattività, tattilità etridimensionalità sono le caratteristiche intrinseche dell’immagine video edigitale nella sua relazione con il pubblico. L’interazione, lo scambio, ilfeedback concreto, visivo ed emotivo, dovrebbe quindi diventare per l’arte un nuovo meccanismo di indagine e di ricerca.

Arteractive è una mostra che intende indagare le ricerche e i potenziali sviluppi di un’arte e di un’iconografia che innesti una risposta e un’interazione diretta da parte del fruitore, con ricadute sul piano estetico e sociale. In questo contesto l'insieme dei trattamenti metaforici e tecnici del virtuale converge su un punto: quello della definizione di contenuti e problematiche che attivino una riflessione innovativa sul senso ultimo del fare arte in relazione con i nuovi canali dei “social media”, della rete e delle tecnologie virtuali.

Nel percorso espositivo si affiancano artisti giovani e artisti già affermati sulla scena artistica italiana che attivano emozioni e percezioni del fruitore, indagando il labile confine tra arte, tecnologia e socialità. Le loro installazioni possono essere sia frontali e dirette allo spettatore, sia interattive, mescolando la logica e il linguaggio della tecnologia conforme sperimentali e sorprendenti. I loro lavori utilizzano strumenti audio e video e piattaforme digitali, per esplorare il rapporto tra uomo e macchina e i limiti della percezione umana.

Special Guest: “L’Uomo Elettronico” di Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, installazione interattiva in omaggio al centenario di Marshall McLuhan

Artisti: Alessandro Brighetti, Mirko Canesi, Umberto Ciceri, Davide Coltro, Daniele Girardi, Vincenzo Marsiglia, Gabriele Pesci.

Il progetto è organizzato dall’Associazione Culturale Art Company, associazione attenta alla promozione dei nuovi media delle nuove tecnologie digitali, in collaborazione con la società Augmendy, organizzatore in Italia die-festival – Festival della Rete e di Social Media Week 2011.

L'e-festival, il Festival della Rete, la manifestazione più importante del settore,nasce dall'esperienza di Augmendy raggiunta grazie a 10 anni di eventi di successo come la Social Media Week, il Social Media Tour, l'Internet Show e gli eventi di Codice Internet. Un progetto creato per contribuire a colmare il digital divide del nostro paese divulgando una cultura digitale costruttiva epositiva.

Unaserie di eventi e iniziative per rivolgersi a tutti coloro i quali utilizzano (o intendono utilizzare) ogni giorno la Rete e i social media, per approfondirele proprie conoscenze e scoprirne tutte le potenzialità:

• Il Festival della Rete: iniziative “non convenzionali” dedicate a un pubblicoconsumer;

• Social Media Week: eventi di approfondimento in una cornice formale; momenti diincontro dedicati a un pubblico business.