Art Conversations – David Claerbout

Venezia - 11/12/2014 : 11/12/2014

Philippe-Alain Michaud, curatore al Musée National d'Art Moderne, Centre Pompidou di Parigi, e Thierry Davila, curatore al Mamco di Ginevra, converseranno con David Claerbout, artista belga tra i protagonisti della mostra “L’illusione della luce”, curata da Caroline Bourgeois e presentata fino al 6 gennaio 2015 a Palazzo Grassi.

Informazioni

Comunicato stampa

Palazzo Grassi – Punta della Dogana – Pinault Collection presenta giovedì 11 dicembre alle ore 18.00 negli spazi del Teatrino di Palazzo Grassi, l’ultimo appuntamento dell’anno per il ciclo “Art Conversations”, incontri con gli artisti della Collezione Pinault in conversazione con critici e curatori.

Philippe-Alain Michaud, curatore al Musée National d'Art Moderne, Centre Pompidou di Parigi, e Thierry Davila, curatore al Mamco di Ginevra, converseranno con David Claerbout, artista belga tra i protagonisti della mostra “L’illusione della luce”, curata da Caroline Bourgeois e presentata fino al 6 gennaio 2015 a Palazzo Grassi




David Claerbout è nato nel 1969 a Kortijk (Belgio). La sua pratica artistica si caratterizza per una continua sperimentazione di tecniche e medium diversi quali il video, la fotografia, il suono, l’arte digitale e le videoinstallazioni. Il tema centrale delle sue opere è il trascorrere del tempo che Claerbout utilizza per porre allo spettatore degli interrogativi sulla sua percezione. Attraverso la manipolazione delle immagini con tecniche digitali, l’artista cancella la linea di demarcazione tra fotografia e video, tra spontaneo e costruito.

Nella mostra “L’Illusione della Luce” a Palazzo Grassi, presenta in una sala a lui dedicata il video Oil workers (from the Shell company of Nigeria) returning home from work, caught in torrential rain (2013) che illustra un gruppo di lavoratori nigeriani fermi sotto un ponte per ripararsi dalle piogge monsoniche. Partendo da una fotografia trovata su internet l’artista, attraverso la manipolazione dell’immagine con l’ausilio di tecniche 3D, contrappone la staticità dei soggetti al movimento dell’acqua. L’opera di Claerbout immortala con grande potenza espressiva le sfide dell’Africa contemporanea unendo due elementi primari e vitali per i protagonisti del video: l’acqua, in un continente dove la siccità rappresenta uno dei fenomeni più drammatici, e il petrolio, fonte di guadagno per alcuni e di sfruttamento per altri.

L'incontro sarà in francese, con traduzione simultanea in italiano, e sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina eventi del sito di Palazzo Grassi.

L’incontro è aperto gratuitamente al pubblico, sino a esaurimento posti.

Tutti gli appuntamenti della stagione culturale sono comunicati sul sito di Palazzo Grassi nella rubrica “attività”, costantemente aggiornata.