Armin Linke – Senza rughe

Pescara - 18/05/2020 : 18/06/2021

Senza rughe, la quarta personale di Armin Linke in galleria a Pescara.

Informazioni

  • Luogo: VISTAMARE
  • Indirizzo: Largo Dei Frentani 13 - Pescara - Abruzzo
  • Quando: dal 18/05/2020 - al 18/06/2021
  • Vernissage: 18/05/2020 NO
  • Autori: Armin Linke
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: Monday 9.30am - 1.30pm | Tuesday to Friday 9.30am - 7.30 pm
  • Uffici stampa: SILVIA MACCHETTO

Comunicato stampa

Vistamare is proud to present SENZA RUGHE, Armin Linke’s fourth solo exhibition in Pescara.



The exhibition reflects the gallery’s intention to focus on projects connected with its local surroundings: ‘Senza rughe’ can be literally translated as ‘unwrinkled’ and is the incisive phrase with which, in La favola pitagorica, the writer Giorgio Manganelli describes the city of Pescara – a perennially youthful city without a past, which the author chooses as the starting point for an offbeat journey travelling the length and breadth of Abruzzo





Armin Linke sets off across Abruzzo in a similar way, uncovering a wealth of inherited identities linked with places and with the land, in a portrait of the region seen through a lens which is focused on the point where photographic images and collective memory intersect.



The 24 photographs presented in the exhibition form a series of ‘notes and sketches’: an exhibition project composed over the course of a long series of travels, which turn out to have been dialogues.



The individual images are fragments of a journey in which Abruzzo is revealed to be a place in which landscapes and physiognomies are forged over the course of the seasons and moulded from the stereotypical images of the region. Traces of the past, like those Linke finds in the historical villages of Città Sant’Angelo and Pescocostanzo, are seen in juxtaposition with the satellite control systems on the vast plain of the Piana del Fucino, and the mountain vistas of the Majella and the Gran Sasso.



Linke’s images of the region are far from ‘elegiac’, but while they are empty of any human presence, these landscapes bear the wordless signs of human passage. In his photographs there emerges all the ancestral potency of a now-remote land which Manganelli himself defined as the “great manufacturer of silence”.



Linke continues to focus on the exploration of landscape and territory which began in Matera, during the city’s year as European Capital of Culture, with his exhibition Blind Sensorium.



Armin Linke was born in Milan in 1966. A filmmaker and photographer, his work has been exhibited all over the world: the German Pavillion at the XXII Triennale di Milano, Milan (IT), ZKM Karlsruhe (DE), PAC Milan (IT), Haus der Kulturen der Welt, Berlin (DE), Centre de la photographie Genève, Geneva (CH), and at the Venice Biennale (IT). In 2017 he was commissioned to work on a three-year project for the Thyssen-Bornemisza Art Contemporary Collection (AT) and in 2019 he won the Kubus Sparda Art Prize (DE). His installation "Alpi" won the special prize for the best work in its section at the IX Venice Architecture Biennale. His work features in numerous public collections, including the Museum of Applied Arts, Vienna, AT, Kunstmuseum Stuttgart, DE, Kunstmuseum Munich, DE, BAK, Utrecht, NL, Guggenheim, New York, US, MAXXI, Rome, IT, Deutsche Bank, Frankfurt, DE, GAM, Turin, IT, Canadian Centre for Architecture, Montreal, CAN, FRAC, FR, Centre Pompidou, FR and the Tate Modern, UK.

He lives and works in Berlin.



-----------------------------------------------------------------------------------







Armin Linke

SENZA RUGHE



Vistamare, Pescara

Opening 23 Febbraio, 2020, 10.30 - 13.00

24 Febbraio, 2020 – 18 Settembre, 2020





Vistamare è lieta di presentare Senza rughe, la quarta personale di Armin Linke in galleria a Pescara.



Con questa mostra la galleria conferma la volontà di concentrarsi su progetti legati al territorio. ‘Senza rughe’ è una definizione sagace che lo scrittore Giorgio Manganelli diede della città di Pescara nella raccolta di scritti intitolata La favola pitagorica. Città priva di passato e in perenne giovinezza che diventa per l’autore punto di partenza per un viaggio inedito lungo tutto l’Abruzzo.



Armin Linke sceglie di procedere alla stessa maniera e raccoglie, attraversando l’Abruzzo, un patrimonio identitario dei luoghi e del territorio attraverso una lente che offre un ritratto di una regione tra rappresentazione fotografica e intersezione della memoria collettiva.



Le 24 fotografie presentate sono una serie di “appunti e schizzi”: un progetto di mostra costruito lungo una serie di itinerari che si rivelano essere dialoghi.



Le immagini sono frammenti di un viaggio che testimonia un Abruzzo laboratorio di paesaggi e tipologie fisionomiche, rivelato dal susseguirsi delle stagioni e negli stereotipi della rappresentazione dei territori. Tracce storiche, come quelle ritratte nei bei borghi antichi di Città Sant’Angelo e Pescocostanzo, si sovrappongono alle infrastrutture satellitari della Piana del Fucino e agli scorci montuosi della Majella e del Gran Sasso.



Lontane da una concezione ‘elegiaca’ del territorio abruzzese, le immagini di Linke, prive di presenza umana, ne smascherano la muta testimonianza nei segni stessi che l’individuo lascia al suo passaggio. Emerge da queste foto la potenza ancestrale di un paese lontano che lo stesso Manganelli definì “grande produttore di silenzio”.



Linke continua la sua ricerca sullo studio del paesaggio e del territorio, iniziata a Matera – Capitale europea della cultura - per la mostra Blind Sensorium.



Armin Linke è nato a Milano nel 1966.
Regista e fotografo, le sue opere sono state esposte in tutto il mondo: Padiglione Germania alla XXII Triennale di Milano, Milano (IT), ZKM Karlsruhe (DE), PAC Milano (IT), Haus der Kulturen der Welt, Berlino (DE), Centre de la photographie Genève (CH), Biennale di Venezia (IT). Nel 2017 gli è stata assegnata una commissione alla Thyssen-Bornemisza Art Contemporary Collection (AT) e vincitore del Kubus Sparda Art Prize (DE) del 2019. Ha vinto un Premio speciale per il miglior lavoro con "Alpi" alla IX Mostra Internazionale di Architettura La Biennale di Venezia. Opere di Linke sono conservate in numerose collezioni pubbliche tra cui il Museum of Applied Arts, Vienna, AT, Kunstmuseum Stuttgart, DE, Kunstmuseum Munich, DE, BAK, Utrecht, NL, Guggenheim, New York, US, MAXXI, Rome, IT, Deutsche Bank, Francoforte, DE, GAM, Torino, IT, Canadian Centre for Architecture, Montreal, CAN, FRAC, FR, Centre Pompidou, FR e Tate Modern, UK.

Vive e lavora a Berlino.