Arjan Shehaj

Torino - 06/05/2014 : 03/06/2014

Una volontà di disegno, una semplicità compositiva che nasce innanzitutto dalla necessità di scoperta, dove ogni linea appare come un immaginario percorso in un cammino iniziato da tempo.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA MOITRE
  • Indirizzo: Via Santa Giulia 37 bis 10010 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 06/05/2014 - al 03/06/2014
  • Vernissage: 06/05/2014 ore 18,30
  • Autori: Arjan Shehaj
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

La Galleria è lieta di presentare l’esposizione personale dell’artista albanese Arjan Shehaj (Patos, Albania, 1989).
Una volontà di disegno, una semplicità compositiva che nasce innanzitutto dalla necessità di scoperta, dove ogni linea appare come un immaginario percorso in un cammino iniziato da tempo.
Una conoscenza dei mezzi della rappresentazione che portano l’artista a creare realtà che prima di tutto sono novità per la stessa mano che li ha concepiti, come se dietro al pennello vi fosse un immaginaria bacchetta in grado di far apparire mondi, scomponibili poi dalla nostra stessa volontà


Semplici linee, che con costanza e visione individualista dell’artista, costituiscono un tracciato di consapevolezza e di lentezza.
Quest’ultima permette di trasmigrare sentimenti, attimi, vibrazioni all’interno di una tela che ne assorbe a tal punto la lezione da apparire “calma”, anche nel momento stesso in cui la forma si scatena, si contorce o cambia improvvisamente direzione.
Vi è una consapevolezza nell’atto di Arjan, di una strada che non gli è mai stata sconosciuta per davvero e che oggi si esprime in queste forme che non vogliono connettersi alla realtà, non ne sentono il bisogno.
Ogni passaggio di tratto è lento accadimento, un fatto che si palesa nell’atto stesso del compimento, uno stupore che prima di tutto è del pittore stesso.

Esposizione a cura di Alessio Moitre e Arjan Shehaj

Testo di Daniele Capra

Le opere su tela e su carta di Arjan Shehaj nascono da una costante riflessione sulla pratica artistica del dipingere, a partire dagli costituenti base della superficie, del colore, del segno e del riflesso. Rifiutando ogni idea di mimesi-rappresentazione e di adesione alla realtà, Shehaj sceglie di ridurre il proprio lavoro al solo impiego dei elementi minimali, con una brutale compressione verso la linea tesa (anche quando è reiterata a matita), il profilo tagliente e la cromia flat tipiche della tradizione modernista.
Shehaj mette in mostra così la necessità di creare un universo altro, in cui la geometria combinatoria rende possibile la costruzione di un ordine nuovo, caratterizzato da composizioni euritmiche aniconiche. Ma ugualmente il suo lavoro è una narrazione metapittorica che racconta la pratica della pittura nel suo declinarsi quotidiano di scomposizione del colore, del piano e della vista.













Arjan Shehaj

Mostre selezionate

Mostre personali

2012
Il viaggio verso la pittura, Galleria Jean Blanchaert, Milano
Mostre collettive
2014
Untitled, Pinxi NewArt Gallery, Milano
SetUp, Fiera d’arte contemporanea indipendente, II edizione, Bologna
fuori salone miart - brera 2014 presso l'accademia di belle arti di brera milano
2013
Oltremare,fondazione Ibrahim Kodra, Milano
Paolina Brugnatelli 2013, Ex Chiesa di San Carpoforo, Milano
The metaresidency project, a cura di Cristina Rota e Paola Tognon, presso the blank residency,Bergamo
Rinascimento e rinascita, dall'uomo vitruviano di Leonardo da Vinci al terzo paradiso di Michelangelo Pistoletto, a cura di Paola Salvi Accademia Di Brera - Biblioteca nazionale centrale di Firenze
2012
Pre Post Contemporaneo, a cura di Philippe Daverio, Galleria Jean Blanchaert,Milano
Onufri, Premio Nazionale delle Arti, Galleria nazionale delle Arti G.K.A, Tirana, Albania
Premio Nazionale delle Arti, Accademia Albertina di Belle Arti, Torino