Arancio | Guidato | Roma

San Giovanni Valdarno - 21/06/2014 : 28/09/2014

La mostra è concepita come tre distinte personali, ognuna includerà una selezione di opere dalla loro pratica più ampia; ogni artista esporrà il lavoro in una delle sale della galleria di MK Search Art, che si trova in un edificio storico nel centro di San Giovanni Valdarno in Toscana.

Informazioni

Comunicato stampa

MK Search Art è lieta di annunciare “Salvatore Arancio / Alberto Guidato / Alessandro Roma,” una presentazione di lavori degli artisti italiani Salvatore Arancio, Alberto Guidato e Alessandro Roma. La mostra è concepita come tre distinte personali, ognuna includerà una selezione di opere dalla loro pratica più ampia; ogni artista esporrà il lavoro in una delle sale della galleria di MK Search Art, che si trova in un edificio storico nel centro di San Giovanni Valdarno in Toscana



Seguendo queste premesse la mostra creerà tre differenti realtà parallele, riflettendo la diversità attraverso la quale questi tre artisti si confrontano con la creatività, l’artigianato, la storia e la spiritualità, ma al tempo stesso mirerà a creare connessioni nascoste e imprevedibili tra i lavori presenti. Le loro opere sono presentate in questo modo per la prima volta, e sebbene si possano vedere possibili collegamenti fra i lavori, questa mostra va compresa come tre entità separate i cui confini sono definiti dai muri architettonici.

Attraverso installazioni, video, sculture, pitture, collage, stampe e disegni, Salvatore Arancio (*1974, Catania) porta a una nuova comprensione della relazione tra Romantico e Neoclassico. La sua pratica può essere legata ad Athanasius Kircher come a Johann Joachim Winckelmann ed è da un lato profondamente intellettuale, basata sulla ricerca, e dall’altro completamente radicata nelle sue capacità manuali. Metà archeologo e metà artigiano, Arancio crea serie di lavori che scavano nella storia degli spazi, tanto fisici quanto metafisici, reali e virtuali, in modo da portare nella galleria un souvenir, un fossile, una rovina, vedendo la galleria quale spazio che può diventare museo, laboratorio, giardino e perfino salotto, specialmente se consideriamo i suoi video basati sull’appropriazione e accompagnati da una particolare colonna sonora. A MK Search Art Arancio presenterà la video installazione sonora We Are a Way to Know Itself (2012).

Profondamente spirituale e trascendentale, il lavoro di Alberto Guidato (*1972, Ivrea) è basato su due matrici, che sono poste una in contrasto con l’altra sebbene solo apparentemente. Nelle sue composizioni temi biblici sono intrecciati con l’immaginario legato alla cultura underground e alla musica elettronica. Resi con uno stile grafico e minimale, usando forme primarie, il suo lavoro può essere associato a inviti di concerti e a copertine di CD, ma anche a illustrazioni e simboli religiosi. Attraverso l’utilizzo di una limitata gamma di materiali, cartone riciclato trovato in magazzini e supermercati insieme a pennarello nero e fosforescente, applicati con una tecnica particolare, Guidato crea visioni che ci ricordano tanto un’opera d’arte di Hilma af Klint quanto una copertina di un album dei Pink Floyd. A MK Search Art mostrerà il dittico Ap Gv 21 (2006-07) insieme a una serie di lavori su carta intitolati Ap Gv 22,2 (2007), che rimanda a L’Apocalisse di San Giovanni Apostolo, Genesi 1, 2 (2010), ispirato a Il Libro della Genesi, e poi I tre colori delle tuniche del Paradiso (2011), La Trasfigurazione e L’altro Mondo (entrambi 2012).

Aprendo l’eredità della pittura, i suoi generi, le sue declinazioni, a nuovi e inaspettati orizzonti, la pratica di Alessandro Roma (*1977, Milano) riflette sul dilemma filosofico basato sulla dicotomia bidimensionale versus tridimensionale. Seguendo la ricerca di molti pittori, in maggioranza dell’inizio 20esimo secolo, Cézanne in primis, il suo modus operandi prende il genere del paesaggio, da capire in senso interiore o esteriore, naturale e domestico, quale soggetto legittimo la cui analisi è mirata alla nozione di spazio pittorico e ai limiti e potenziali a esso legati. Continuando un nuovo corpo di lavori focalizzato sulla sperimentazione di pattern e materiali, a MK Search Art Roma presenterà quattro collage (tutti senza titolo, tutti 2012-13) e due grandi stampe su tessuto appositamente commissionate per la mostra e prodotte da una manifattura locale.

MK Search Art, San Giovanni Valdarno/Nuova Delhi
Italia: Corso Italia 14, 52027, San Giovanni Valdarno, Arezzo (FI)
India: B-5 Anupam Plaza Srl Aurobindo Marg Hauz Khas, Nuova Delhi 10016 www.mksearchart.com
[email protected]

Didascalia: Salvatore Arancio, We Are a Way to Know Itself, 2012. Video e sonoro, loop, 3:25.

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Salvatore Arancio / Alberto Guidato / Alessandro Roma

June 21 - September 28, 2014
Opening: Saturday, June 21, 7:00 pm

MK Search Art
Corso Italia, 14
San Giovanni Valdarno

MK Search Art is glad to announce “Salvatore Arancio / Alberto Guidato / Alessandro Roma,” a presentation of artworks by Italian artists Salvatore Arancio, Alberto Guidato and Alessandro Roma. Conceived as three distinct solo presentations, featuring a selected body of work from their practice-at-large, each artist will exhibit the work in one of the rooms of MK Search Art gallery space, which is located in a historical building in the center of the town of San Giovanni Valdarno in Tuscany, Italy.

Following these premises the exhibition will create three different parallel realities, mirroring the diversity through which these three artists engage with creativity, craft, history and spirituality but at the same time aiming to create hidden and unpredictable connections between the works presented. Their works are presented in this way for first time and although someone can see possible links between their oeuvres this exhibition must be understood as three separate entities using the architectural walls as their borders.

Through installations, videos, sculptures, paintings, collages, prints, and drawings, Salvatore Arancio (*1974, Catania) brings a new understanding of the relationship between Romanticism and Neoclassicism. His practice can be linked to Athanasius Kircher as well as to Johann Joachim Winckelmann and it is on one hand deeply intellectual and based on research and on the other hand completely rooted in craftsmanship. Half archeologist, half artisan, Arancio creates series of works that excavate the history of places – both physical and metaphysical, real and virtual – in order to take a souvenir, a fossil, a ruin, to the gallery, which he sees as a space that can become museum, laboratory, garden and even living room – especially if we consider his videos based on appropriated material and accompanied by specific soundtracks. At MK Search Art Arancio will show the video and sound installation We Are a Way to Know Itself (2012).

Deeply spiritual and transcendental, the work of Alberto Guidato (*1972, Ivrea) is based on two matrixes that are placed in contrast with each other albeit only apparently. In his compositions biblical themes are intertwined with the imagery related to the culture of underground and electronic music. Rendered with a minimal and graphic style, using primary forms, his works can be associated to concert flyers or CDs covers, as well as to religious illustrations and symbols. Through the employment of a very limited set of materials – recycled cardboard he finds in warehouses and grocery stores, black and fluorescent color markers applied through a specific technique – Guidato creates a visionary work which reminds at times an artwork by Hilma af Klint and at times a Pink Floyd cover album. At MK Search Art he will show the diptych Ap Gv 21 (2006-07) alongside a series of works on paper entitled Ap Gv 22,2 (2007), inspired by The Apocalypse of St. John the Apostle, Genesi 1, 2 (2010), titled after The Book of Genesis, as well as I tre colori delle tuniche del Paradiso (2011), La Trasfigurazione and L’altro Mondo (both 2012).

Taking the legacy of painting and its genres and declinations to new and unexpected horizons, the practice of Alessandro Roma (*1977, Milan) reflects on the philosophical dilemma based on the dichotomy bi-dimensional versus three-dimensional. Following the research of many painters mostly from the beginning of the 20th century – Cézanne above all – his modus operandi takes the genre of landscape, to be understood as interior and exterior landscape, natural and domestic, as the legitimate subject to be used in order to analyze the notion of picture plane and its related potentials and limitations. Continuing a new body of work focused on experimental pattern and materials, at MK Search Art Roma will show four collages (all untitled all 2012-13) and two newly commissioned large prints on textile produced for the show by a local manufacture.