Antonio Rovaldi – So many things in the air!

Venezia - 02/06/2020 : 06/06/2020

So many things in the air! è la seconda mostra personale di Antonio Rovaldi presso la Galleria Michela Rizzo.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA MICHELA RIZZO - EX BIRRERIA GIUDECCA
  • Indirizzo: Giudecca 800 Q, Vaporetto fermata Palanca - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 02/06/2020 - al 06/06/2020
  • Vernissage: 02/06/2020 NO
  • Autori: Antonio Rovaldi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dalle ore 11.00 alle ore 17.00 dal martedì al sabato

Comunicato stampa

So many things in the air! è la seconda mostra personale di Antonio Rovaldi presso la Galleria Michela Rizzo. La mostra è concepita come un percorso a tappe che segue la gestazione dell’ultimo libro di Rovaldi dedicato ai margini di NYC, lungo le linee di un volto di una città meno conosciuta, più selvatica e nascosta, come suggerisce il titolo stesso del libro: The Sound of the Woodpecker Bill: New York City


Il titolo della mostra è preso in prestito dal primo verso della poesia Three Airs del poeta e critico d’arte americano Frank O’ Hara, dalla raccolta Lunch Poems (1953-1964) dedicata alla città di New York, al camminare come pratica associativa, ai suoi ritmi e ai colori della città. Questo primo verso si traduce in un neon azzurro su una parete della galleria, una conversazione fulminea – come un’improvvisa visione durante una camminata – con l’autore della poesia: “Yes Frank, so many things in the air!”. Il neon illumina la stanza dove, da due casse stereo, una voce ripete le soste di una lunga camminata intorno ai margini di New York declamando nomi di luoghi, strade, ore del giorno, alternandosi e sovrapponendosi a campi sonori registrati tra il 2016 e il 2018 dallo stesso Rovaldi.
Five Walk. NYC è anche il frutto della collaborazione tra Antonio Rovaldi e il Sound Designer Tommaso Zerbini. L’installazione è composta da cinque capitoli - quanti sono i boroughs della città - ed è un flusso costante di voci e geografie sonore. Come un alterego dell’artista, una voce accompagna all’ascolto lungo una linea sonora circolare, passando da ambienti urbani rumorosi a angoli più interstiziali, periferici, dove il silenzio ritrova spazio per articolare il racconto di un viaggio che si sviluppa attraverso pause e ripensamenti.
La prima stanza della galleria raccoglie cicli fotografici realizzati tra il 2018 e il 2019. Fotografie in piccolo formato, come una costellazione di punti nello spazio, raccontano una geografia che si ricompone attraverso il tempo di un viaggio a piedi e quello ricostruito successivamente dentro le pagine di un libro. Alcuni interventi scultorei disseminati nei tre ambienti della galleria dialogano con le fotografie nello spazio sonoro e liquido di una città semi sommersa dall’acqua: un viaggio dentro le immagini e nel processo stesso della fotografia. L’ultimo piano è occupato dall’installazione video The Rest of The Images. Il video, frutto della collaborazione tra Rovaldi e la regista Federica Ravera, è al tempo stesso documentazione della pratica artistica dell’artista all’interno del suo luogo di lavoro e relazione stretta tra il camminare, la fotografia (i suoi processi e supporti) e il montaggio delle immagini in una sequenza. Non per ultimo, la relazione tra colui che filma e colui che è filmato. Le fotografie che le mani dell’artista muovono sul pavimento del suo studio ridisegnano geografie e le traiettorie di palle che schizzano nello spazio, veloci e casuali, suggeriscono nuove possibili direzioni, mentre il volto di una città si allontana e il suo suono si abbassa.
Ancora una volta Rovaldi torna a riflettere sulla relazione tra immagine e movimento fisico del corpo che cammina, sul ricordo di un’esperienza geografica avvenuta tempo addietro e l’esigenza di ripensarne le distanze, nella convinzione che i luoghi sono sistemi elastici complessi e non contenibili in un’unica immagine.