Antonio Passa – tutto Passa in tre mesi

Roma - 21/04/2018 : 20/05/2018

La Fondazione Filiberto e Bianca Menna, in collaborazione con l’Associazione FigurAzioni, è lieta di annunciare il primo appuntamento di un ciclo di mostre dedicato all’itinerario intellettuale di Antonio Passa, che si terrà nella sede romana della Fondazione, già sede dell’Archivio Menna / Binga, in via dei Monti di Pietralata 16.

Informazioni

  • Luogo: ARCHIVIO MENNA/BINGA
  • Indirizzo: via dei Monti di Pietralata 16 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 21/04/2018 - al 20/05/2018
  • Vernissage: 21/04/2018 ore 18,30
  • Autori: Antonio Passa
  • Curatori: Antonello Tolve
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

La Fondazione Filiberto e Bianca Menna, in collaborazione con l’Associazione FigurAzioni, è lieta di annunciare il primo appuntamento di un ciclo di mostre dedicato all’itinerario intellettuale di Antonio Passa, che si terrà nella sede romana della Fondazione, già sede dell’Archivio Menna / Binga, in via dei Monti di Pietralata 16



Artista tra i più brillanti del panorama analitico e di quella che è stata definita Nuova Pittura, Antonio Passa (Cava de’ Tirreni, 1939) concepisce sin dal 1970, anno in cui si trasferisce a Roma, un discorso che mira a coniugare materiale manuale e mentale per intraprendere un viaggio metalinguistico, un discorso – pratico e teorico – sull’arte intesa come intrattenimento infinito, come luogo delle possibilità. Si tratta di un processo che, se da una parte crea aderenza tra il fare arte e il pensare contestualmente agli elementi dell’arte, dall’altra si articola nell’ambito di una procedura linguistica entro la quale i vari elementi che costituiscono il linguaggio vivono un forte rapporto di concatenamento, di relazione semiotica.

tuttoPassa in tre mesi propone, oggi, una scansione del lavoro svolto dall’artista a partire dal 1969 per mostrare i territori irrinunciabili di una ricerca che si concentra su un perimetro pittorico primario nel quale la pittura si articola mostrando i propri strumenti e concependosi come elemento stesso della realtà.



Sin dal 1970, anno in cui si trasferisce a Roma, Antonio Passa (Cava de’ Tirreni, 1939) disegna una ricerca pittorica che si configura come riflessione metalinguistica incentrata su un problema di ridefinizione del quadro a partire dai suoi elementi costitutivi di base, quali il telaio, la tela ed il colore, con esiti e procedimenti riferibili all’ambito della Nuova Pittura. Già docente e direttore in varie Accademie di Belle Arti italiane, dal 2006 fa parte del Comitato Nazionale per la valutazione del sistema universitario e dal 2012 è nominato in qualità di esperto presso l’ ANVUR.

L’ossessione del numero tre. Antonio Passa a Roma

Archivio Filiberto e Bianca Menna, Roma ‒ fino al 21 luglio 2018. Tre mesi per ristabilirsi da ogni male, grazie al lavoro di Antonio Passa. Fra colore, tela e telaio.