Antonio Loi – Geometrie del Disordine

Cagliari - 01/07/2021 : 18/07/2021

Anticipati concettualmente dalla serie Autorivelazione degli anni Settanta, gli scatti selezionati per la mostra “Geometrie del Disordine” colgono il perenne girovagare di Antonio Loi tra i meandri della sua incontrastata musa ispiratrice che sottopone periodicamente a ricognizione: la città di Cagliari.

Informazioni

Comunicato stampa

Anticipati concettualmente dalla serie Autorivelazione degli anni Settanta, gli scatti selezionati per la mostra “Geometrie del Disordine” colgono il perenne girovagare di Antonio Loi tra i meandri della sua incontrastata musa ispiratrice che sottopone periodicamente a ricognizione: la città di Cagliari. Scatti dove abbandona il suo rigoroso bianco e nero per concedere al colore la scansione spaziale ed evidenziare come geometria e disordine siano caratteri imprescindibili del territorio urbano ma quanto, al contempo, ci dirottino in un’atmosfera paradossale e alienante. “Negli anni mi sono reso conto di essere un camminatore folle, che ogni tanto fotografa

Potrei smettere di fotografare, ma non di camminare, e quando cammino mi ritrovo, quasi involontariamente, a inquadrare le cose”.
Lo sguardo ossessivo di Antonio Loi è accostabile al modus operandi che Giorgio Morandi applica alle sue nature morte, tra indagine reiterata per giungere all’essenza delle cose e un’inclinazione all’alternanza tra sospensione temporale e contemplazione. Sguardo che penetra nella realtà con l’obiettivo di instillare dubbi esistenziali senza mai fornire risposte. L’approccio è quello di puntare a una continua tensione e a un’espressività incisiva che restituisca deformazioni, mediante riprese ravvicinate col grandangolo, che conferiscono ulteriore potenza visiva alle immagini.
Tra pieni e vuoti, tra geometria e caos, gli spazi dilatati del manto stradale, spesso soggetto a grave usura, sono attraversati dalle ben definite geometrie dei segnali urbani ai quali si sovrappongono i mezzi di trasporto. La segnaletica, diventata inutile, si riduce a immagine confusa e ingannevole e la città a territorio di una quotidianità grottesca dalla quale non si può sfuggire. Palcoscenico straniante di una realtà urbana che si colloca al di là di qualunque compiacimento estetico con una notevole dose di ironia e sarcasmo. Non a caso Emil Cioran scrive: “Come siamo giunti a questo punto? Per quale via, dopo secoli rassicuranti, ci troviamo alle soglie di una realtà che soltanto il sarcasmo rende tollerabile?”
Evento realizzato con il contributo della DG BIC del MiBACT, Assessorato alla Cultura della RAS e Servizio Cultura del Comune di Cagliari.