Antonella Sassanelli – Iron&Rust

Milano - 08/04/2014 : 10/05/2014

Opere recenti della fotografa ed artista Antonella Sassanelli. Immagini di persone e ambienti circostanti trattati con ruggini e altri tecniche per creare un aspetto tra evanescenza e matericità.

Informazioni

  • Luogo: GIOIA 107
  • Indirizzo: Via Melchiorre Gioia 107 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 08/04/2014 - al 10/05/2014
  • Vernissage: 08/04/2014 ore 19
  • Autori: Antonella Sassanelli
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da martedì a sabato 15 - 19

Comunicato stampa

Iron&Rust

Quando ci accostiamo alla fotografia siamo portati a considerare tale prodotto artistico un artificio attraverso il quale veniamo a conoscenza di fatti, paesaggi, figure che in qualche misura ci informano della realtà.
Paul Klee aveva detto che “l’arte è deformazione” intendendo con questa asserzione che la realtà, spesso esplicita nell’immagine, deve subire alcuni processi di mutamento che ci conducono in un mondo surreale, fantastico o geometrico in cui i parametri estetici cambiano insieme alla materia originale da cui derivano


Antonella Sassanelli, nell’estrinsecazione delle sue figurazioni estetiche, parte proprio dalla fotografia elaborandola con mezzi fisici e chimici (ruggine, acidi, diluenti ecc.) fino ad ottenere immagini complete o parziali in cui le radici fotografiche vanno dissolvendosi e trasformandosi creando un che di primordiale materico che diventa simbolico o evocativo di altri mondi.
La trasformazione della materia pervade i volti che l’artista ci presenta in fase quasi liquefattiva: è come un magma corrosivo che progressivamente si impadronisce dell’immagine antropomorfa fino a deturparne i volti e conferendo all’immagine finale un che di tragico mescolato ad una bellezza intrinseca che si oppone, impassibile, a questa metamorfosi.
Vediamo così facce piene di crepe come di legno vecchio logorato dal tempo, altre come se si stessero sciogliendo.
A volte siamo di fronte al dubbio se lo spazio stia corrompendo le immagini o se queste stiano formandosi emergendo dal nulla.
I toni cromatici sono molto contenuti, quasi non volessero mostrare segni di emozioni particolari, ne risulta un’interiorizzazione che dai volti si espande nell’ambiente circostante. Questi volti spesso assumono un aspetto enigmatico che ci costringe ad analizzarli cercando di approfondire i perché di queste figure e a cercare i moti sottesi a questi sguardi così belli, così emblematici.
È un mondo psicologico sommerso che la Sassanelli cerca di suggerirci attraverso modulazioni continue e ritmi diversi che rendono molto articolata e complessa la sua ricerca sulla metamorfosi della materia.
Silvano Battistotti