Anteprima Sotheby’s a Roma

Roma - 04/11/2011 : 04/11/2011

Sotheby’s è lieta di presentare nella giornata del 4 novembre 2011 una selezione di opere d’Arte Moderna e Contemporanea delle aste di Milano del 22 e 23 novembre 2011. Una selezione di oltre 40 Importanti Gioielli dall’asta di Ginevra del 15 novembre 2011. Orologi da collezione dell’asta ginevrina del 13 novembre 2011.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO COLONNA
  • Indirizzo: Piazza Dei Santi Apostoli 66 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 04/11/2011 - al 04/11/2011
  • Vernissage: 04/11/2011 ore 10-18
  • Generi: arte moderna e contemporanea
  • Email: Wanda.Rotelli@sothebys.com

Comunicato stampa

Anteprima a Roma, Palazzo Colonna
Sotheby’s è lieta di presentare nella giornata del 4 novembre 2011 una selezione di opere d’Arte Moderna e Contemporanea delle aste di Milano del 22 e 23 novembre 2011.
Una selezione di oltre 40 Importanti Gioielli dall’asta di Ginevra del 15 novembre 2011.
Orologi da collezione dell’asta ginevrina del 13 novembre 2011.


Identità Italiana - Una Collezione Privata
Questa collezione privata che sarà esposta in anteprima a Roma è rappresentata da oltre una ventina di lotti tra le opere più rappresentative della collezione stessa

Si tratta di esemplari tra i più innovativi dei maestri italiani del primo novecento quali Giacomo Balla e Arturo Martini passando attraverso preziosetele di Giorgio de Chirico, Massimo Campigli e Mario Sironi.
Il Futurismo è ben sintetizzato da Canto patriottico di Giacomo Balla (stima: €350.000-450.000), una vibrante tela nella quale i colori simbolo della bandiera italiana sono combinati grazie ad uno studio cromatico e sintetico sulla forma, evocando liricamente la protesta interventista che agitò il paese nel 1915.
Alberto Savinio è presente in collezione con due opere di rilievo, L’Ile coralline (stima €120.000-150.000) e La mère et l’enfant, entrambi eseguiti nel 1928,anno cruciale, data in cui l’artista si trasferì a Parigi su invito del fratello Giorgio De Chirico. Lo stile delle opere si ispira al Surrealismo con cui Savinio era in contatto soprattutto grazie a personaggi come Breton e Cocteau.
Le scenografie, quasi teatrali, presenti nei due dipinti in oggetto, evocano il vivido immaginario del pittore-filosofo, molto ispirato dalla musica e dal teatro.
PictorClassicus: Giorgio de Chirico dipinse “Gli addii del poeta” (stima €200.000-250.000) nel 1924, alla vigilia della sua seconda partenza per Parigi. Quest’opera è collocabile nel “periodo romantico” di de Chirico (1922-1924) e l’influsso del pittore simbolista svizzero Arnold Böcklin è evidente nel contrasto tra la singola figura umana e il resto del dipinto, una sorta di rappresentazione dell’unione idilliaca tra arte e natura, descritta attraverso il poeta solitario e il maestoso albero.
Oltre ad altre opere rilevanti di Renato Birolli, Felice Casorati, e uno splendido Personaggio di Osvaldo Licini del 1945 (stima €150.000-200.000), il catalogo presenta lavori più contemporanei come quelli di Luigi Ontani, Gastone Novelli e Domenico Gnoli.
Ognuna delle opere presenti in questa collezione privata, fu di certo accuratamente selezionata da un occhio esperto ed attento; questa collezione, ancora una volta, ci rivela un grande intenditore dell’arte italiana dei primi del Novecento.

Da altre collezioni private - Tra il 1916 e il 1919, Gino Severini sposta il suo interesse dalla danza alle composizioni di natura morta. Nell’opera Nature Morte-Hommage à Flaubert del 1916, l’artista sintetizza forme e figure attraverso un raccordo tra la superficie e i piani di colore, con un effetto pittorico simile al trompe l’oeil. L’interesse di Severini va oltre il soggetto in sé, in cerca di un’astrazione mai radicale, usando frammenti di realtà congiunti a riferimenti ritmici. (stima: €300.000-400.000).
Lucio Fontana è presente nella collezione non solo con una grande idropittura su tela del 1960 (Concetto Spaziale- Attese, cm 65x81, stima: €500.000-700.000) marcata da sei tagli, ma anche con altre belle opere in ceramica smaltata, bronzo e olio su tela, ed un Teatrinodel 1966 (val. 280/350.000€ ) offrendo ai collezionisti una grande varietà della sua eterogenea produzione, offrendo ai collezionisti una grande varietà della sua eterogenea produzione.

Per concludere una Natura Morta di Morandi, eseguita nel 1949 ed esposta nel 2001 alla TATE Modern di Londra nell’antologica dedicata all’autore, ci mostra una delle più profonde ed ispirate produzioni del solitario artista subito dopo la Seconda Guerra Mondiale. L’accurato posizionamento delle sei differenti forme e figure, saggiamente organizzate in relazione una all’altra, crea un perfetto equilibrio tra colori e forme in una composizione unica e ispirata. (stima: €500.000-700.000).

Gioielli e Orologi, anteprima dalle aste di Ginevra
40 gioielli dall’asta di Ginevra del 15 novembre tra i quali segnaliamo un magnifico bracciale d’oro incastonato di smeraldi, rubini e diamanti di Van Cleef& Arpels degli anni Quaranta ( 20/30.000 CHF), cui seguirà un anello in smeraldi e diamanti di Bulgari (27/37.000 CHF) ed un braccialetto in diamanti e rubini di Harry Winston stimato 110/120.000 CHF.
Tra gli orologi una bella selezione di Rolex in acciaio : un magnifico esemplare da polso datato 1967 (60/80.000 CHF) ed un raro cronografo Daytona “Paul Newman” del 1966, stimato 60/80.000 CHF.
Tra gli highlights presenti, un orologio da polso PatekPhillippe in oro giallo 18 carati, stimato 55/75.000 CHF.