L’atelier racchiude la personalità dell’artista. Ognuno di essi ha un’intima percezione del proprio studio. E se dodici artisti si unissero in un unico spazio? Vi lasceremo intravvedere i rapporti che si fondono tra personale e collettivo.

Informazioni

  • Luogo: NON-ATELIER
  • Indirizzo: via Vigevano 33, c/o Spazio Buttafava - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 26/04/2013 - al 28/04/2013
  • Vernissage: 26/04/2013 ore 19
  • Generi: arte contemporanea, serata – evento, collettiva

Comunicato stampa

26 - 28 Aprile, a Milano si aprono le porte del Non-Atelier degli Anonimartisti

Milano. Nuovo singolare appuntamento con gli Anonimartisti che aprono al pubblico, solo dal 26 al 28 di Aprile, il loro Non-Atelier in via Vigevano 33, a Milano, presso lo Spazio Buttafava.
L’idea è quella di soddisfare la curiosità dello spettatore coinvolgendolo nel viaggio creativo, dal processo di ideazione alla produzione di un’opera d’arte finita.

L’atelier racchiude la personalità dell’artista. Ognuno di essi ha un’intima percezione del proprio studio

E se dodici artisti si unissero in un unico spazio? Vi lasceremo intravvedere i rapporti che si fondono tra personale e collettivo.

Tutto questo, nei tre giorni di apertura, attraverso performance live di alcuni artisti ed il sabato sera con accompagnamento musicale del duo jazz Giacomo Balzarotti (chitarra) e Osvaldo Tapparo (contrabbasso) del Luca Mancinelli Quartet, attivo a Milano e Brianza. E per alcuni brani si aggiungerà, in qualità di ospite, la voce di Arianna Balzarotti. Il loro repertorio spazierà tra composizioni di Dizzy Gillespie, Joe Henderson, Charles Mingus, Jimmy Heath, Bill Evans, Charlie Parker, Clifford Brown e altri.

Performance Live:
Venerdì:
19:00 - Live Street Painting di Mattia Barf Carne
20:00 - Live painting di Vittorio M. Bianchi
Sabato:
18:00 - Installazione di Gianluca Quaglia
18:30 - Making of "I vasi di Pandora e i Fili di Arianna" di Linda Ferrari
19:00 - Live Painting Alan Zeni
Domenica:
15:30 - Live Painting di MimiArtDesign
16:30 - Making of "I vasi di Pandora e i Fili di Arianna" di Linda Ferrari

L’Associazione culturale Anonimartisti per questa rappresentazione ha allargato la collaborazione ad ulteriori artisti (pittori, fotografi, scultori, videomakers, illustratori) che condividono la stessa filosofia, invitandoli ad immergersi nei loro lavori, trarne ispirazione e condividerli totalmente con il pubblico.

Gli Anonimartisti sono un collettivo di giovani artisti italiani, conosciuti nella scena milanese ma non solo, portatori di sogni e idee nuove. Rivoluzionari, idealisti, portatori di cambiamento. Il ritratto del mondo attraverso la fotografia, la pittura, l’installazione video e la scultura. Artisti che condividono un unico scopo: dare un nuovo significato alla parola r-EVOLution. Una rivoluzione che nulla ha a che fare con la distruzione ma all’opposto, come la grafica ci lascia intendere, con la parola amore, il capovolto –EVOL, in quanto è l’amore per l’arte e per la condivisione di un progetto a muovere questi artisti e, con l’evoluzione, un ripartire in senso artistico.

Anonimartisti:

Lele De Bonis: “Il mio lavoro si incentra sullo studio del rapporto tra spazio e luce. Cerco di creare dimensioni parallele capaci di interagire con lo spazio esterno attraverso fonti luminose.”
Francesca Lolli: “I miei tre video volgono lo sguardo su alcune possibili forme di amore e non amore; l'amore consumato, stantio e ridotto in cenere, l'amore contrastato e l'amore utopico proprio della relazione a tre. La spasmodica ricerca del sé nell'altro può essere considerata come portatrice di completezza e comprensione profonda? O piuttosto come forza deviante da ciò che realmente rappresentiamo? Il titolo (La logica dell'amore) contiene in sé una contraddizione in termini: può esistere una razionale logica nell'illogico e irrazionale mondo dell'amore?”
Alessandro Minoggi: “Espongo le prime opere della mia nuova serie Polaris, quadri/polaroid che aspirano a creare una costellazione femminile ideale.”
Linda Ferrari: “La mia performance si intitola “Nascita dei Fili di Arianna”. Mostrerò il processo costruttivo delle installazioni, dalla nascita del disegno, alla modifica della cornice sino al prodotto finito. Perdetevi in linee, fiori e carta da parati.”





Marcella Savino: “Il divenire" è un autoritratto, nasce dall’esigenza di fissare un preciso momento dell’esistenza. Nell’incessante scorrere del tempo tutto cambia, in questo flusso scopro nuove “forme” a scapito di altre perse per sempre, tengo stretta a me la mia essenza.”
Matteo Suffritti: “ITALIAN SOVIET BLOK è un viaggio che parte dai blok sovietici dell'Europa dell'Est, passa dall'architettura di Le Corbusier e si conclude nella speculazione edilizia italiana degli anni 60. Una mostra fotografica dei blok italiani ma, soprattutto, una ricerca che approfondisce ambizioni e fallimenti di un'architettura europea di fine millennio.”
Alan Zeni: “Il mio live Painting si intitola: Le sfumature del bianco. La ricerca della sensazione della primavera e del colore in una tavola di cartone quasi completamente dipinta di bianco. Contemporaneamente la dissacrazione dell'opera pittorica come intoccabile.”
Mattia Barf Carne: “La mia performance di graffiti: realizzerò un soggetto figurativo con le bombolette spray.”

Guests:

Strangeman: “Fra gli Elementi convenzionali il Tempo, inafferrabile ed effimero, ci domina inesorabilmente. In questa composizione sono stratificati istanti di lavoro fissati dalla sabbia di una spiaggia. Giacendo incompiuto per mesi ed oggetto di un'osservazione continua e quasi ossessiva, ogni particolare visualizzato ha assunto significati squisitamente soggettivi come l'analogia della materia che rimanda alla sabbia della clessidra, ad un luogo ricoperto di polvere fissata lentamente sul supporto. Come suggerisce Peter Zumthor, ogni materiale enfatizzato dalle proprie caratteristiche e dai propri intrinsechi significati, se utilizzato in un contesto opportuno, è in grado di risuonare e di risplendere, coinvolgendo i sensi dell'osservatore in un'esperienza sinestetica, sicché la Crosta che presento, una volta ultimata, giace su un letto di tempo.”
MIMIARTDESIGN: “Ti amerei in Porta Romana. Questo è il titolo della mia performance di live painting il cui tema è l'amore, di quando ti colpisce inaspettatamente e tu non sai cosa fare. Quando arriva Cupido e ti ferisce piacevolmente, mentre tu non lo aspettavi e il cuore ti batte forte forte. Ti amerei in Porta Romana, la mia performance, è un sentimento tradotto su tela, che inizia e finisce nel tempo stesso della realizzazione del quadro, un coinvolgimento emozionale che invita lo spettatore ad entrare nel sentimento dell'artista.”
Gianluca Quaglia: “La mia performance consisterà nel creare un momento conviviale con il gioco, coinvolgere il pubblico gonfiando insieme palloncini colorati con gas elio per poi liberarli nello spazio. Modificare l’ambiente lasciando un segno della propria presenza. Un invito alla relazione, un gesto singolo che diventa di gruppo.”
Vittorio M. Bianchi: “Con la mia serie "Teddy", esplorerò il linguaggio della sovrapposizione. Le immagini vintage di peluche Steiff sono rielaborate attraverso la tecnica del "rubbing". Le superfici raschiate non cancellano l'immagine sottostante, ma queste continuano a vivere nostalgicamente a dispetto degli interventi più o meno marcati. Creerò un ulteriore legame tra le singole opere che vivono a sé come parte di un tutto. Ogni cartolina infatti, reca segni grafici gestuali e ripetitivi, nei colori del blu rosso e giallo, riconducibili al lessico che è alla base della mia opera.”


Non-Atelier, via Vigevano 33, Milano, c/o Spazio Buttafava.
Venerdì 26 aprile / h. 18:00-22:00 / opening - performance - wine tasting
Sabato 27 aprile / h. 18:00-22:00 / performance - Jazz duo - wine tasting
Domenica 28 aprile / h. 12:00-20:00 / anonimerenda - performance