Anna Rossi – L’apparenza

Valmozzola - 05/08/2014 : 09/08/2014

Anna Rossi è l’artista invitata quest’anno a confrontarsi con gli “spazi del museo” MAGra, nel contesto dell’annuale e attesissimo Granara Festival. L’opera proposta dall’artista, intitolata L’apparenza, prende avvio da alcune specificità del luogo, sottolineandone al contempo alcune virtuose ambiguità.

Informazioni

Comunicato stampa

Anna Rossi è l’artista invitata quest’anno a confrontarsi con gli “spazi del museo” MAGra, nel contesto dell’annuale e attesissimo Granara Festival. L’opera proposta dall’artista, intitolata L’apparenza, prende avvio da alcune specificità del luogo, sottolineandone al contempo alcune virtuose ambiguità.

“Il MAGra è un museo che trova sede in una piccolissima cappella religiosa, ovvero un luogo destinato originariamente a fare da tramite tra il fedele e un’entità superiore. Nonostante il cambio di destinazione si continua a celebrare un rito – ora è laico laddove prima era religioso”


L’apparenza è un lavoro che vuole sottolineare questa continuazione del rito, in primis appropriandosi della modalità, tipicamente religiosa, che utilizza la luce per annunciare un evento importante e per chiamare a sé tutti i fedeli del paese.
I fili di luce artificiale che abbracciano la piccola architettura ne permettono l’apparizione durante la notte. Ed è qui che Anna Rossi c’invita ad una ulteriore riflessione, questa volta a partire dalle parole: “Apparire è il verbo utilizzato per le manifestazioni religiose (l’apparizione come evento miracoloso). Le luci solitamente addobbano il luogo dell’apparizione, ma in questo caso a manifestarsi è solo l’edificio e quel che rappresenta. Il titolo racchiude il significato del sembrare ma non essere, l’architettura continua ad appartenere alla tipologia religiosa ma non lo è più nella sua funzione specifica; l’apparenza non è l’apparizione anche se condividono la stessa radice etimologica”.