Andrea Renzini – Turbo Surplus

Bologna - 01/10/2020 : 07/11/2020

Il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna ospita Turbo Surplus, installazione sonora site specific ideata da Andrea Renzini che, attraverso un registro leggero e ludico, intende porre in connessione la cultura e la storia della musica con le più recenti esperienze contemporanee.

Informazioni

Comunicato stampa

Dal 2 ottobre al 7 novembre 2020 il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna ospita Turbo Surplus, installazione sonora site specific ideata da Andrea Renzini che, attraverso un registro leggero e ludico, intende porre in connessione la cultura e la storia della musica con le più recenti esperienze contemporanee.
Per dialogare con gli strumenti d’epoca e le testimonianze visive di celebri compositori conservati nel museo, l'artista propone esiti legati alla ricerca musicale più all’avanguardia, scegliendo di utilizzare rumori di macchine come fonte sonora e compositiva



Andrea Renzini è nato a Venezia nel 1963, vive e lavora a Bologna.
Si è affermato come uno degli artisti italiani della sua generazione che più ha saputo attraversare con spirito vitale ed eclettico diversi periodi storici ed artistici, mantenendo contemporaneamente un contatto e un “file rouge” empatico con i linguaggi delle generazioni artistiche attuali. Dagli esordi nella scena politica ed eversiva nei primi anni Ottanta, con la collaborazione della rivista "Frigidaire" e della scuola bolognese del fumetto, a una pittura iconica ma anche a una molteplicità di medium caleidoscopica, unendo la performance al suono all’installazione, alla rilettura dell’uso fotografico dell’immagine, fino agli sconfinamenti nel mondo della moda.
Negli ultimi anni l’artista ha reso sistemica la tattica dell’appropriazione indebita e del furto di oggetti, elementi e simbologie, soprattutto del mondo dei grandi marchi conosciuti da tutti.
Tutti questi sconfinamenti interdisciplinari pongono Andrea Renzini in una condizione di nomadismo stilistico ed esistenziale che il critico Roberto Daolio così definì in uno dei suoi ultimi scritti: «Andrea Renzini è uno dei più erranti ed eretici equilibristi e "mime parfait” della pittura vagabonda degli ultimi lustri».

La mostra si inaugura giovedì 1 ottobre 2020 alle h 18.00, a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.
Seguirà alle h 20.00, nella Sala Eventi del museo, una performance dei Ping Pong (Andrea Renzini, aspirapolvere; Stefano Passini, batteria e elettronica), a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.
Info: www.museibologna.it/musica/


Per minimizzare il rischio di contagio da Covid-19, il numero dei partecipanti sarà contingentato in relazione all’obbligo di mantenere il distanziamento interpersonale.
I rappresentanti dei media e gli interessati sono pregati di confermare la partecipazione rispondendo a questa email entro le h 17.00 di martedì 29 settembre 2020.
Una volta raggiunta la capienza massima della sala, non sarà più possibile accedervi.
Si ricorda agli accreditati di presentarsi muniti di mascherina.
In caso di febbre superiore a 37.5°, raffreddore e/o tosse non è possibile presentarsi all'appuntamento.