Ana Gloria Salvia – Tres discursos del alma

Salerno - 08/10/2018 : 31/10/2018

La Galleria Paola Verrengia in occasione della Quattordicesima Giornata del Contemporaneo, promossa da AMACI, presenta il progetto espositivo di Ana Gloria Salvia dal titolo Tres discursos del alma.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA PAOLA VERRENGIA
  • Indirizzo: Via Fieravecchia 34 - Salerno - Campania
  • Quando: dal 08/10/2018 - al 31/10/2018
  • Vernissage: 08/10/2018 ore 19,30
  • Autori: Ana Gloria Salvia
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: lunedì/venerdì: 16:30 – 20:30; sabato: 10:30 – 13:00; 17:00 – 21:00
  • Patrocini: Evento organizzato in occasione della 14 Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI

Comunicato stampa

La Galleria Paola Verrengia in occasione della Quattordicesima Giornata del Contemporaneo, promossa da AMACI, presenta lunedì 8 ottobre alle ore 19.30, il progetto espositivo di Ana Gloria Salvia dal titolo Tres discursos del alma.

«Il tema dell'anima - afferma Ana Gloria Salvia - appare sovversivo in una società come la nostra». L'artista franco-cubana, che vive e lavora tra Parigi e il Cilento, si fa accompagnare nel suo viaggio visivo fatto da incursioni nella filosofia, nell’antropologia, nella storia dell’arte e nella musica, da una guida al femminile, Maria Zambrano

La filosofa spagnola autrice del testo “Per un sapere dell'anima” del 1950, diventa il punto di partenza per interrogarsi sul legame con il corpo di questa “interlocutrice” semisconosciuta, che va intravista in tanti segni e segnali che spesso non sappiamo riconoscere.

Il progetto pensato per la Galleria si divide in due momenti: alle ore 20 l’artista presenterà per la prima volta la performance Tres discursos del alma 2 (testo e canto di Ana Gloria Salvia; voce narrante dell’attrice napoletana Fulvia Carotenuto; durata 5 min), mentre in mostra verranno presentati una serie di lavori nei quali la fotografia come scrittura introduce ad un racconto visivo alle soglie del mistico. In ogni scatto singole lettere dell'alfabeto "rubate" da scritte sui muri delle città e accostate una alle altre in un'unica stampa fotografica. Come nel caso della foto "Del alma y del azar" (2017) che riporta tradotto dallo spagnolo: «Il nostro universo è musicale e l'anima è il diapason. Il tutto è sinergia di parti, di particelle generatrici, autogeneratrici e cogeneratrici che puntano all'infinito vibrando, cantando. Siamo creatori di dei, creatori del caso».


Ana Gloria Salvia nasce nel 1973 nella capitale della provincia di Holguín a Cuba. Dopo gli studi superiori, presso l'Istituto di Science Esatte con indirizzo in Biologia, si trasferisce all’Avana nel 1991 per studiare direzione teatrale presso la Scuola Nazionale di Arte. Fonda e dirige fino al 1995 una compagnia di teatro sperimentale. Lascia Cuba, si stabilisce a Vienna e vive nella capitale austriaca fino al 2001. Si trasferisce a Parigi e intraprende gli studi universitari alla Sorbona. Nel 2008 ottiene il Master post laurea in filologia romanza indirizzo ricerca in letteratura. Dal 2009 comincia la sua ricerca artistica sperimentando con più media - fotografia, pittura e video - esponendo il suo lavoro in gallerie private e spazi pubblici in Italia e all’estero. Tra le mostre e rassegne nazionali e internazionali a cui ha partecipato si segnalano: Centro Provincial di Arti Plastiche, Holguin, Cuba (2010); Filin, Istituto Cervantes, Napoli (2012); Archi_Cuba, PAN (Palazzo delle Arti Napoli), Napoli (2017); DAFNA home gallery, Napoli (2017). Tra le mostre più recenti si segnala Is Pink just a color? A cura di Chiara Guidi, Galleria Paola Verrengia, Salerno (2018).