All is New in Art #6 – Design

Roma - 09/10/2014 : 09/10/2014

Dalla pietra alla nuvola vuole raccontare la trasformazione profonda degli oggetti del design, che si confrontano sempre di più con la dimensione estesa delle nuove tecnologie, diventando interattivi e connessi alla rete delle cose da un lato, e diffondendosi nei mercati, ma anche nella nostra vita.

Informazioni

Comunicato stampa

Design e nuove tecnologie
Curatore: Alberto Iacovoni, Coordinatore culturale IED Roma

Dalla pietra alla nuvola: il design tra oggetto ed esperienza nell’era della connettività digitale

Con l’avvento delle nuove tecnologie della connettività digitale è radicalmente cambiato il modo di progettare, produrre e distribuire nel mondo del design



Dalla pietra alla nuvola vuole raccontare la trasformazione profonda degli oggetti del design, che si confrontano sempre di più con la dimensione estesa delle nuove tecnologie, diventando interattivi e connessi alla rete delle cose da un lato, e diffondendosi nei mercati, ma anche nella nostra vita, in maniera sempre più orizzontale e paritaria dall’altro, utilizzando gli hardware a basso costo e facile programmazione come strumenti di produzione diffusa, e la rete come veicolo di finanziamento e di distribuzione.

La giornata di studi affronterà questa dimensione estesa del design attraverso una prima parte che costruirà un quadro d’insieme degli effetti e delle implicazioni delle nuove tecnologie sulla progettazione, produzione e comunicazione, e una successiva seconda parte in cui si approfondirà con dei contributi specifici due temi estremamente attuali e fertili per il territorio come quelli dell’Interaction Design in campo allestitivo e museale e del fenomeno dei Makers.

Iscriviti

Alberto Iacovoni (1966) architetto, è membro fondatore di ma0, studio d'architettura la cui attività spazia dagli allestimenti fino alla progettazione urbana, con cui ottiene numerosi riconoscimenti in concorsi nazionali ed internazionali, e partecipa a mostre tra cui, ad esempio, la X, XI e XII Biennale di Architettura di Venezia.

Dal 1999 al 2004 è parte di Stalker/Osservatorio Nomade. E' autore di Game Zone, playground tra scenari virtuali e realtà (Birkhauser 2003; Edilstampa 2005), di Playscape, pubblicato nel 2010 per i tipi di Libria, e con ma0 di Borderlines (Damdi 2008), monografia dedicata all'attività dello studio.

Attualmente è Coordinatore Culturale della sede romana dell'Istituto Europeo di Design, che ha diretto per quattro anni, dopo varie esperienze di docenza in istituti quali Cornell University e Inarch.