Alex Chitty – Slight Pitch

Torino - 26/05/2016 : 16/07/2016

In Slight Pitch, il lavoro dell'artista si basa su specifici punti di tensione. Intere superfici visive sono supportate da dettagli.

Informazioni

  • Luogo: LUCE GALLERY
  • Indirizzo: Largo Montebello 40 - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 26/05/2016 - al 16/07/2016
  • Vernissage: 26/05/2016 ore 18,30
  • Autori: Alex Chitty
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al sabato 15.30 – 19.30
  • Uffici stampa: EMANUELA BERNASCONE

Comunicato stampa

“Ho visto alberi di avocado appesantiti da così tanti frutti che alcuni, i più maturi, toccavano terra.
L'albero intero era teso per la sua messe e talvolta i rami si spezzavano. Non si trattava di qualcosa di violento, ma di naturale e giusto.
Ho visto banani piegati in due sotto il peso dei propri frutti. Il cuore di quest'albero sembra un accumulo di cannucce di carta bagnato da un liquido, e si piega e curva facilmente a meno che non lo si sostenga con qualcosa, non importa cosa. La gente fa supporti con frammenti di scope o vecchie sedie

Inevitabilmente questi materiali usati per sostenere l'albero, una volta inseriti, prendono vita. Dopo il passaggio dei colibrì e dopo che le banane sono state raccolte, la gente lascia regolarmente un puntello contro l'albero. Questo fa comprendere come un evento sia finito ma allo stesso tempo sia l'inevitabile futuro. Spesso così tanto dipende da poco”.

Alex Chitty, nata a Miami nel 1979, è un'artista interdisciplinare che vive e lavora a Chicago.
In Slight Pitch, il lavoro dell'artista si basa su specifici punti di tensione. Intere superfici visive sono supportate da dettagli.
Mentre la sua pratica artistica nei materiali usati varia dalla fotografia alla scultura, in mostra invita lo spettatore ad interrogarsi sulla materialità e la presentazione dell'oggetto.
Alex Chitty è professore di scultura all'Art Institute of Chicago. Quest'anno ha esposto in mostre personali alla Patron Gallery e ed al Hyde Park Art Center a Chicago. Nel 2015 ha esposto da Shane Campbell Gallery, Chicago.