Alessandro Tofanelli – Le terre del silenzio

Cesena - 05/11/2011 : 11/12/2011

In mostra le opere di uno dei maggiori artisti italiani contemporanei della figurazione paesaggistico-metafisica pittore, videodocumentarista, fotografo, sceneggiatore, regista, poeta della sua terra natale, la Versilia.

Informazioni

Comunicato stampa

Sabato 5 novembre alle ore 18.oo si aprirà alla Galleria d’Arte Moderna, Palazzo del Ridotto di Cesena l’esposizione dedicata ad Alessandro Tofanelli, uno dei maggiori artisti italiani contemporanei della figurazione paesaggistico-metafisica pittore, videodocumentarista, fotografo, sceneggiatore, regista, poeta della sua terra natale, la Versilia.
Si potranno osservare opere che identificano il linguaggio evolutivo dell’artista toscano, che negli anni è riuscito a rendere sempre più il suo paesaggio essenziale, metafisico dell’essere


L’arte fluisce dal reale al vero possibile o pensato, in immagini che raccontano il vissuto e la storia, dove la fretta esistenziale del nostro tempo si mette in pausa, dove il silenzio e il senso dell’attesa sono palpabili, inducendo una profonda riflessione sull’esistenza umana.
... Sapiente di una tecnica pittorica di raro spessore, espressa in mirabili intese di luce e colore, di ombra e chiaroscuro e in strutture compositive di encomiabile armonia di tagli prospettici e di coniugazioni figurali, l’artista scorre lo sguardo lungo “fotogrammi” consecutivi, compendiandoli in un unicum poetico stilato sulla solidità rassicurante di superfici quadrate singole o distese su calibrate progressioni areali.
Se alcuni elementi del quadro possono trovare riscontro nella realtà visibile, essi vengono comunque elaborati e coniugati dal pittore secondo l’intenzione espressiva del pensiero creante, giungendo ad affermazioni di nuove realtà che risultano ancor più convincenti di quelle percettibili, come scrive il critico Enzo Dall’ara nell’ introduzione del catalogo.
Alessandro Tofanelli cammina nei luoghi del grande Parco di Migliarino fin dalla nascita, sono la sua dimora, ne percorre i più reconditi anfratti, ne coglie i profumi, i colori, i suoni, i silenzi, facendoci entrare in un mondo di natura.
L’artista figlio del’900 e di tutto quel che del secolo breve si propaga in quello di oggi, percorre il proprio tempo in sintonia con una natura che non ha ricordi ma memoria.
A corredo della mostra, saranno proiettati, lunedì 7 novembre, al Centro Cinema San Biagio di Cesena, due suoi lavori cinematografici, un documentario naturalistico, ed un film, premio speciale della giuria al Festival Europacinema di Viareggio e al Festival Nice di New York e San Francisco.

breve bio: Alessandro Tofanelli nasce a Viareggio nel 1959. Dopo il diploma all'Istituto d'arte di Lucca, si trasferisce a Milano per frequentare l’Accademia di Belle Arti di Brera, collaborando nel frattempo come illustratore per diverse riviste edite da Rizzoli e Mondatori. Nel 1973 ottiene due, delle quattro borse di studio offerte dalla Banca Mercantile per l'Università Internazionale dell'Arte.
Nel 1975 si classifica primo al premio "La Resistenza", (il dipinto si trova presso la Galleria d'Arte Moderna di Lucca) e primo classificato al concorso internazionale "INA -Touring" a Palazzo Strozzi di Firenze. È il vincitore del premio "Giotto d'Oro" dell’84, e del premio "Under 35" a Bologna nell’87, cui seguono il premio "Onda Verde" a Firenze e il premio internazionale "Ibla Mediterraneo".
Fin dall’inizio Alessandro Tofanelli è seguito da importanti critici italiani come Micieli, Cobolli Gigli, Paloscia, Patani e Raggianti che lo esortano nella ricerca intrapresa, ma il primo ad essergli vicino è stato sicuramente Omero Biagioni, piccolo gallerista toscano, che in piena stagione di Transavanguardia, scopri e sostenne il giovane pittore della poesia dell’immagine.
Tofanelli ha sempre abbinato all’attività pittorica quella di fotografo e video-documentarista professionista. Numerosi sono i suoi video scientifico-naturalistici trasmessi sulle reti Rai in trasmissioni come “Geo”, “Onda Verde”, mentre i suoi lavori fotografici sono stati pubblicati all’interno di riviste specializzate. Nel 2005 è uscito il suo primo lungometraggio come regista, “Contronatura”, che ha vinto il Premio speciale della giuria al Festival di Viareggio Europacinema nello stesso anno, e il Festival Nice di New York e San Francisco del 2005-2006.
Innumerevoli le pubblicazioni che lo riguardano in cataloghi o riviste d’arte italiane e straniere che accompagnano le molteplici esposizioni nazionali ed internazionali, in spazi pubblici museali e in gallerie private, toccando città come Singapore, New York, Milano,Londra, Roma, San Francisco, Bologna, Vienna, Strasburgo, solo per citarne alcune, entrando così a far parte di importanti collezioni private e pubbliche in tutto il mondo.