Alberto Blasetti – 2+3=4

Roma - 04/05/2012 : 12/05/2012

FLan Art Project è lieta di presentare un progetto inedito: 2+3=4, la prima personale di Alberto Blasetti (Massa d’Albe 1986).

Informazioni

  • Luogo: EX ROMA CLUB MONTI
  • Indirizzo: Via Baccina 66 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 04/05/2012 - al 12/05/2012
  • Vernissage: 04/05/2012 ore 18.30
  • Autori: Alberto Blasetti
  • Curatori: Fabiola Palladoro
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: Lunedì al Sabato: 15:00-21:00
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

FLan Art Project è lieta di presentare un progetto inedito: 2+3=4, la prima personale di Alberto Blasetti (Massa d’Albe 1986).
2+3=4 è un progetto fotografico interamente realizzato in ambienti casalinghi, luoghi intimi e privati; un viaggio di ricerca dentro spazi di quotidianità dove tutto sembra abbandonato, inanimato, ma dove è sempre possibile intravedere un vissuto, immaginare un passato, e dove si possono percepire tracce di presenze non più visibili, afferrabili o riconoscibili al primo sguardo.
Alberto riesce a fotografare quello che resta, quello che nessuno più vede

Di ciò che lasciamo dietro di noi, non curanti, egli riesce a raccogliere frammenti infinitesimali di vita prima che svaniscano per sempre.
Senza la necessità di uscire a cercare situazioni insolite, Alberto riesce a vedere nella realtà che ha intorno cose che nessun altro riesce a cogliere, modificando gli ambienti e gli oggetti che ha a portata di mano attraverso la luce e il suo eterno movimento, donando loro nuova essenza, nuove sembianze.
La luce, incontrollabile e mai del tutto afferrabile, è la vera presenza vitale di queste opere che donano fluidità a spazi rigidi, quasi inamidati. Attraverso il movimento costante dei riflessi della luce, Alberto muta, sovverte e risveglia realtà e oggetti comuni, generando nuove sensazioni e inedite rappresentazioni.
Come i soggetti delle sue foto, così i mezzi fotografici utilizzati rispondono all’immediatezza, alla situazione unica in cui l’artista ferma per sempre quegli attimi in composizione. Alberto ha alternato scatti eseguiti con macchine professionali e telefoni cellulari, ma ha anche sviluppato le potenzialità nascoste di fotocamere di fortuna, come lui le definisce, a confermare la forza interpretativa dello spazio che lo circonda e che va catturato proprio nel frammento di tempo in cui lo scatto perfetto ‘appare’.
Il titolo della mostra fa riferimento ad una canzone dei Radio Head ma, se alla band inglese per arrivare ad avere un 5 basta fare 2 + 2, ad Alberto, per raggiungere un 4 occorre mettere sempre qualcosa in più, uno sforzo creativo, un’idea, una…provate a cercare quel numeretto in più, quel dettaglio nascosto, quel frammento di vita nascosto ad occhi pigri, per arrivare alla soluzione/comprensione artistica.
Durante tutto il periodo della mostra sarà proiettato un video inedito dell’artista.

In occasione dell’inaugurazione saranno ospiti Gustav Landin e Jeippi, i quali si alterneranno alla console con le loro selezioni musicali.