Agostino Bergamaschi / Paolo Brambilla – Mandragola

Mestre - 30/03/2019 : 11/05/2019

Due artisti che interpretano il nuovo spazio della galleria come un palcoscenico, dove le loro opere fungono da scene e personaggi di una drammaturgia aperta alla contaminazione: la Galleria Massimodeluca verrà così trasformata da Mandragola, mostra bi-personale di Agostino Bergamaschi e Paolo Brambilla, a cura di Marina Bastianello.

Informazioni

Comunicato stampa

Due artisti che interpretano il nuovo spazio della galleria come un palcoscenico, dove le loro opere fungono da scene e personaggi di una drammaturgia aperta alla contaminazione: la Galleria Massimodeluca verrà così trasformata da Mandragola, mostra bi-personale di Agostino Bergamaschi e Paolo Brambilla, a cura di Marina Bastianello.

La mandragola è una radice magica considerata fin dall’antichità come una creatura a metà tra regno vegetale e animale

Il suo urlo letale e le sue proprietà curative la pongono in uno stato di ambivalenza tra la vita e la morte, tra il pauroso e il fiabesco diventando l'immagine di riferimento che accomuna le poetiche opposte e, allo stesso tempo, parallele di Bergamaschi e Brambilla.