Abstract Syndrome

Milano - 30/03/2022 : 07/05/2022

L’eredità dell'astrazione geometrica.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA FREDIANO FARSETTI
  • Indirizzo: Via Della Spiga 52 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 30/03/2022 - al 07/05/2022
  • Vernissage: 30/03/2022 ore 18
  • Curatori: Lorenzo Bruni
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: lunedì-venerdì 10-13 / 15-19 sabato 10-13

Comunicato stampa

Abstract Syndrome
Riccardo Guarneri, José Guerrero, Gerwald Rockenschaub
L’eredità dell'astrazione geometrica
A cura di Lorenzo Bruni
Inaugurazione mercoledì 30 marzo 2022, dalle ore 18 alle ore 20
mostra visitabile dal 30 marzo al 7 maggio 2022
La Galleria Frediano Farsetti di Milano presenta da mercoledì 30 marzo 2022 la terza
mostra del ciclo Connection dal titolo Abstract Syndrome a cura di Lorenzo Bruni

Questo progetto
espositivo, che vede coinvolti gli artisti Riccardo Guarneri, José Guerrero e Gerwald
Rockenschaub, è stato ideato appositamente per i tre livelli su cui è organizzato lo spazio di via
della Spiga con l’intento di erodere i confini fra mostra collettiva e personale. L'elemento che
accomuna le tre ricerche è l'ossessione per l'astrazione geometrica. Questo nel loro caso non
consiste soltanto nel dedicarsi alla riduzione delle forme in segni puri, ma punta alla creazione di
una dinamica combinatoria tra gli elementi con l’intento di mettere in evidenza non la forma in sé,
bensì il modo in cui essa si manifesta, viene ricordata e percepita e, in ultima istanza, come può
essere immaginata e concettualizzata. L'indagine sugli strumenti del dipingere è il punto da cui gli
artisti partono per focalizzare l'attenzione sulle interpretazioni delle cose, ponendosi in confronto
non solo con lo spazio dell'arte, ma anche con quello della propria quotidianità. Tale approccio
consente di scatenare negli spettatori che si pongono di fronte all’opera astratta reazioni più
consapevoli, in relazione a un mondo ormai globale e popolato da codici altrettanto astratti, come
gli algoritmi dei social media, fruibili da schermi retroilluminati, che permettono a tutti
costantemente di avere accesso a ogni “sapere”.
Le opere in mostra – sebbene molto diverse tra di loro per il contesto culturale e
generazionale da cui nascono – sono accomunate dalla necessità di riflettere sui meccanismi che
stanno dietro all'oggetto-quadro cercando una terza via rispetto alla tradizionale dicotomia, nata in
seno alle avanguardie storiche, tra astratto e figurativo. Le superfici delle loro opere geometriche –
sia che si tratti di una tela, come in Guarneri, o di materiali in plexiglas e vetro, come in
Rockenschaub, o di immagini fotografiche come in Guerrero – suggeriscono sempre la possibilità di
uscire dalla rigidità della composizione per trovare un perfetto equilibrio tra ordine e caos.
Equilibrio che coincide con la conquista da parte dello spettatore di una percezione concreta;
concretezza che viene a sua volta raggiunta usando tecniche e materiali differenti.
Guarneri (Firenze, 1933; vive e lavora a Firenze) utilizza colori chiari che portano alla quasi
sparizione dei segni in favore di una luminosità nuova, che costringe lo spettatore a concentrarsi
sull'atto del guardare. Sulle superfici dei quadri realizzati nel corso degli ultimi dieci anni
convivono, infatti, macchie e linee, acquerello e acrilico, grafite e parti di scrittura, in grado di
introdurre nell’opera una dimensione esistenziale ed esperienziale con cui ripensare radicalmente al
periodo dell’“astrazione analitica”, a cui l’artista ha preso parte alla fine degli anni Sessanta.
Rockenschaub (Linz, 1952; vive e lavora a Berlino) declina le forme astratte in presenze inedite
che si collocano a metà strada tra quadro e scultura. I volumi delle sue opere sono sempre costituiti
da materiali moderni come il plexiglas, utilizzato fin dalla fine degli anni Ottanta, periodo nel quale
abbandona la pittura tradizionale su tela. Si tratta di superfici uniformi e prive della connotazione
romantica del “fatto a mano”, utilizzate dall’artista all'interno dello spazio espositivo come
strumenti per rivelarne le caratteristiche latenti e mettere in evidenza sia la relazione tra contenitore
e contenuto, sia quella tra vedere e immaginare.
Guerrero (Granada, 1979; vive e lavora a Roma) propone delle immagini fotografiche di luoghi in
cui la presenza umana è assente, come se essi fossero dei dettagli di un ambiente più ampio. La sua
indagine riguarda il rapporto tra architettura, memoria e storia, non con l’intento di produrre
documentazioni, bensì di realizzare delle immagini in presa diretta dell'incontro con il mondo.
Questo accade sia con la serie dedicata agli interni oscuri delle cave di marmo a Carrara, sia con
quella sui monumenti antichi di Roma, fino ad arrivare ai recenti modellini di architettura di tipo
modernista illuminati dalla luce naturale.
Le ricerche dei tre artisti Guarneri, Rockenschaub e Guerrero presenti nella mostra
Abstract Syndrome tendono al monocromo per alzare il livello di attenzione dello spettatore,
circondato oggi da fin troppe sollecitazioni mediatiche. Le loro opere infatti – pur basando la loro
struttura su forme geometriche, colori puri e trasparenza della luce – vogliono evidenziare una
percezione inedita del tempo della fruizione. Realizzati in anni differenti, i lavori messi in dialogo
tra loro nella sede della Galleria Frediano Farsetti di Milano suggeriscono nuove possibilità di
indagine sugli strumenti dell'astrazione geometrica di stampo modernista e soprattutto sulla
necessità di ripensare a quale può essere oggi, al tempo dei social media, questa eredità.