A first step towards coincidences & meetings – Part V

Pietrasanta - 11/05/2013 : 11/06/2013

b-a-d è lieta di presentare, in collaborazione con SomethingLikeThis, la quinta parte del progetto A first step towards coincidences & meetings.

Informazioni

Comunicato stampa

b-a-d è lieta di presentare, in collaborazione con SomethingLikeThis, la quinta parte del progetto A first step towards coincidences & meetings.

Something Like This (SLT) è un artist-run space coordinato da Lisa Batacchi che porta avanti A first step towards coincidences & meetings, un progetto in progress nato da una necessità di includere artisti che hanno un’attitudine a prediligere nella pratica artistica le componenti processuali e le interazioni che mettono in relazione il soggetto, di volta in volta, con l’alterità, l’habitat sociologico, l’ecosistema, il paesaggio

Molto importante è l’approccio spirituale alla vita con sincera necessità e curiosità di conoscersi e di ridefinirsi in uno scambio spontaneo con l’altro. Gli invitati a prendere parte di questo progetto, come a una “tavola rotonda”, hanno la possibilità di relazionarsi, confrontarsi ed entrare in sintonia l’uno con l’altro proponendo idee e soluzioni condivisibili. Un tentativo di formare una "comunità" artistica che possa crescere su questi ideali e valori.
http://sltartinitiatives.tumblr.com/projects

In quest’occasione le corrispondenze viaggiano più liberamente; artisti che prima non si conoscevano adesso collaborano e dialogano ed il loro lavoro risulta più vicino di prima, come anche ennesime conferme di coincidenze fra altri nel modo di lavorare e sentire fa si che tutto accada con grande fluidità.
A primo impatto, leggendo alcuni titoli delle opere in mostra, si percepisce un'apertura a una riflessione più vasta della semplice rappresentazione o esplicazione del lavoro; medesimi interrogativi, riflessioni sulla definizione di realtà e sulle varie posizioni riguardo alle memorie personali o collettive, tendono a completarsi fra loro come in un’ unica “inquadratura fondamentale” di ideali e valori comuni.
Pierfabrizio Paradiso e Tony Fiorentino indagano sul come e il perché l’uomo carica di significato gesti e oggetti: Paradiso, con Wunderkammer, in modo più introspettivo ci parla attraverso i suoi "oggetti straordinari" sia dei suoi ricordi che di valori condivisi, di cultura alta e di cultura bassa, mentre Fiorentino con Untitled è attratto dai più riservati riti quotidiani.
Virginia Zanetti con l’opera fotografica Mind the gap between, che richiama la performance realizzata con una cartomante, riflette sull'uso del simbolo come espediente per mostrare il proprio grado di coscienza. Simone Ialongo con Ognuno sfiora il mondo secondo il proprio peso, attraverso il gesto di far cadere l'argilla dall'alto tenta un haiku scultoreo. Seguendo questo climax, Lisa Batacchi con The sublime is right in front, which way to go? ha utilizzato il mezzo fotografico per cogliere un’immagine che indaga la messa in discussione delle certezze e dell’ identità, per quanto di fronte alla vastità di un cielo ci possiamo sentire infinitamente piccoli e privi di risposte.