6 pittori

Pavarolo - 02/10/2021 : 21/11/2021

La mostra “6 pittori” vedrà l’allestimento del progetto espositivo nel Museo Studio Felice Casorati, a Casa Casorati e nelle Project Room, luoghi riconvertiti a spazi espositivi, all'interno del borgo di Pavarolo (TO).

Informazioni

Comunicato stampa

MEMORIE E VISIONI CONTEMPORANEE

LO STUDIO MUSEO FELICE CASORATI
E IL BORGO DI PAVAROLO DIALOGANO CON L’ARTE EMERGENTE

Al Museo Studio Felice Casorati di Pavarolo,
dal 2 ottobre la mostra “6 pittori”

Luca Ceccherini, Sebastiano Impellizzeri, Giuseppe Mulas,
Ottavia Plazza, Giulio Saverio Rossi, Alan Stefanato
si confrontano con
“I Sei di Torino”, Jessie Boswell, Gigi Chessa, Nicola Galante, Carlo Levi, Francesco Menzio, Enrico Paulucci Delle Roncole

Pavarolo, 27 settembre 2021 – Il Comune di Pavarolo, in collaborazione con l’Archivio Casorati, il Comitato Scientifico Studio Museo Casorati, presieduto da Francesco Poli, l’Associazione Plug IN, con il coordinamento della Sindaca Laura Martini, promuove e presenta, nella stagione autunnale 2021, la mostra “6 pittori”, che vedrà l’allestimento del progetto espositivo nel Museo Studio Felice Casorati, a Casa Casorati e nelle Project Room, luoghi riconvertiti a spazi espositivi, all'interno del borgo di Pavarolo (TO).
La mostra “6 pittori” inaugurerà sabato 2 e domenica 3 ottobre, dalle 14 alle 18 e rimarrà aperta ogni domenica, dal 10 ottobre al 21 novembre, con orario 14-18, sempre a ingresso gratuito.
Il nuovo progetto, a cura di Société Interludio, in linea con le mostre realizzate negli ultimi anni, vuole mantenere vivo il dialogo tra la memoria di quei luoghi, dove ha vissuto e lavorato Felice Casorati, e gli artisti invitati ad esporre, che in questo caso sono 12 artisti: 6 pittori contemporanei dell’area piemontese, che hanno scelto di confrontarsi con i 6 pittori storici di Torino, riuniti attorno alla figura di Felice Casorati, tra il finire degli anni Venti e l’inizio degli anni Trenta del Novecento.

Sarà il Museo Studio Felice Casorati ad ospitare dodici opere dei Sei di Torino provenienti da varie collezioni private e dalla Galleria del Ponte, selezionate dallo storico dell'arte Francesco Poli, in collaborazione con il gallerista Stefano Testa.

Si potranno ammirare i seguenti quadri di Jessie Boswell (1881-1956), “Casa Gualino”, 1930, olio su cartone, 59 x 64 cm., e “Sergio con la balia”, olio su cartone, 32,3 x 24,7 cm., Gigi Chessa (1898-1935), “Nudo sulla poltrona”, 1929, olio su tela, 54 x 47,5 cm., e “Paesaggio di Nervi”, 1931. Olio su tavola, 41x38 cm., Nicola Galante (1883-1969), “Paese (San Nicola)”, 1929, olio su tavola, 30 x 28 cm., e “Testa d’uomo”, 1929c., olio su cartone, 30x25 cm., Carlo Levi (1902-1975), “Ritratto di Piero Zanetti, l’esploratore”, 1929, olio su tela, 65 x 80 cm., e “Parigi: Place du Terte”, 1928. Olio su tela, 38x46 cm., Francesco Menzio (1899-1979), “Ritratto di Persico”, 1929, olio su tela, 55 x 45 cm., e “Figura gialla”, 1929. Olio su tela 62x52 cm., Enrico Paulucci Delle Roncole (1901-1999), “Paesaggio a Rapallo”, 1930, olio su tela, 75 x 91 cm., e Senza titolo, 1930, tempera, cm 45x30 cm.

Come i Sei di Torino - che presentavano differenze tra il loro modo di esprimersi che li portava ad avere la propria personalità e il proprio stile – anche Luca Ceccherini (Arezzo, 1993), Sebastiano Impellizzeri (Catania, 1987), Giuseppe Mulas (Alghero, 1995), Ottavia Plazza (Alessandria, 1992), Giulio Saverio Rossi (Massa, 1988) ed Alan Stefanato (Trieste, 1992) sono pittori che partono da una ricerca nella figurazione per poi prendere strade diverse, espandendo così questi orizzonti. In questa occasione i pittori si confronteranno non solo con le opere dei Sei di Torino ma anche e soprattutto tra di loro: un progetto dunque che guarda alla storia dell’arte del ‘900 ed un dialogo tra le generazioni sul medium pittorico. Siamo così di fronte non ad una sola ed univoca modalità allineata di fare pittura ma ad una molteplicità di pratiche che guardano al passato, al presente e al futuro.

Sarà nella casa di Pavarolo di Felice e Daphne Casorati, in via Maestra a Pavarolo, e nei vari luoghi del borgo riconvertiti a spazi espositivi all'interno del progetto "Emporium Project” che esporranno i 6 artisti contemporanei, selezionati grazie al contributo dei curatori Giuseppe Arnesano, Davide Gambaretto, Federica Maria Giallombardo, Sergey Kantsedal, Matteo Mottin e Simona Squadrito.

Il gruppo dei Sei Pittori si è formato a Torino nel 1929, contribuendo a creare uno dei periodi più vivi e intensi della storia cittadina. Questo progetto vuole non solo rendere presente e visibile questa linea continua che lega quasi cent’anni di pittura, ma anche omaggiare sei pittori che, insieme a Felice Casorati, hanno acceso e mantenuto il focolaio della pittura a Torino per quasi un secolo.

Informazioni pratiche

Il Museo Studio Felice Casorati è in via del Rubino 9, a Pavarolo (TO). Casa Casorati e le Project Room sono dislocate lungo via Maestra di Pavarolo, e in vari spazi del paese, e saranno segnalati su una mappa a disposizione negli spazi espositivi.

La mostra, a ingresso libero, resterà aperta al pubblico sino a domenica 21 novembre, tutte le domeniche pomeriggio, dalle 14 alle 18. Per accedere sarà obbligatorio essere in possesso del Green Pass.

Sarà messa a disposizione dei visitatori una navetta gratuita, da Torino (piazza Vittorio Veneto) a Pavarolo, nelle due domeniche di inaugurazione e di chiusura, 3 ottobre e 21 novembre (oltre alle domeniche 17 ottobre e 7 novembre, riservata all'Abbonamento Musei). Partenza alle 14,15 e rientro alle 17,30. Info e prenotazione obbligatoria alla mail [email protected]

Sarà possibile visitare le mostra su appuntamento durante la settimana, per scuole e gruppi di minimo 12 persone. Prenotazioni alla mail: [email protected]

Per informazioni sono consultabili i siti internet: www.pavarolo.casorati.net e www.comune.pavarolo.to.it.

Il progetto è stato realizzato con il sostegno del Comune di Pavarolo, dell’Archivio Casorati, della Regione Piemonte e della Fondazione CRT nel merito del bando Esponente.